sabato, Novembre 27

"Amministrazione infedele": la Kirchner in tribunale field_506ffbaa4a8d4

0

È dei giorni scorsi la notizia secondo cui l’ex Presidente argentina Cristina Fernandez de Kirchner era stata convocata alla comparizione in tribunale in seguito alla decisione del magistrato Claudio Bonadio di congelarne il patrimonio personale. Accusata di transazioni fraudolente in valuta estera negli ultimi mesi alla guida del Governo, la Kirchner ha denunciato «le molestie da parte di quello che io definisco il partito dei giudici». Ha inoltre ipotizzato un tentativo di destabilizzazione della propria immagine da parte dell’attuale Presidente e strenuo oppositore Mauricio Macri. A complicare la situazione della Kirchner sono finiti sotto inchiesta anche alcuni dei suoi più stretti collaboratori, a causa della cattiva gestione dei fondi pubblici (tra essi l’ex ministro dell’Economia, Axel Kicillof). Le transazioni contestate all’ex Presidente riguardano, in particolare, alcune operazioni irregolari della Banca centrale eseguite in dollari sul mercato statunitense, che hanno causato perdite all’economia statale: un elemento, questo, che ha portato il magistrato a quantificare il danno compiuto dalla Kirchner all’amministrazione pubblica attraverso una decisione politica.

Nei giorni scorsi il Tribunale ha ordinato anche la perquisizione delle sue proprietà, notificandole quindi il sequestro dei beni e il congelamento del patrimonio personale (“proibizione totale di compravendita di beni mobili e immobili a suo nome”). La Presidente del Partido GEN di centrosinistra, Margarita Stolbizer, ha accusato la Kirchner di non aver dichiarato una somma vicina ai sei milioni di dollari. Un’accusa grave questa, soprattutto alla luce della situazione economica argentina, in un costante tira e molla tra recessione e segnali di ripresa da anni. Il giornalista Martín Caparrós aveva già eseguito una lucida analisi del kirchnerismo e delle politiche economiche che avrebbero rimesso in ginocchio lo Stato argentino, flagellato da pratiche di corruzione dell’ex Presidente e dei suoi collaboratori. Nel video di ‘telesurTV’ vengono evidenziate le strategie poco salutari adottate dalla per l’economia argentina sui mercati esteri: la Kirchner continua tuttavia a difendersi, puntando sulla pubblica gogna mediatica da parte di giudici e stampa.

(video tratto dal canale Youtube di ‘telesurTV’) 

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->