mercoledì, Aprile 14

America Latina tra cambiamenti climatici e sviluppo

0

Che sviluppo sostenibile avrà l’America Latina entro il 2030? Che tipo di possibilità avrebbe? L’America Latina ha fatto notevoli progressi sociali negli ultimi anni soprattutto sul fronte della riduzione della povertà assoluta e della fame. La regione ha svolto insieme alle Nazioni Unite un ruolo centrale nella progettazione dell’Agenda per lo sviluppo sostenibile 2030. Il piano comprende 17 obiettivi di sviluppo sostenibile, adottati già il mese scorso. Così, i Paesi dell’America Latina stanno giocando un ruolo importante nei negoziati dell’ONU per raggiungere un nuovo accordo globale sui cambiamenti climatici di quest’anno e piani climatici nazionali con obiettivi da raggiungere entro il 2030. Nonostante questi progressi, il rallentamento economico in corso in tutta la regione ha esposto a vulnerabilità i modelli di sviluppo, che adesso non appaiono più sostenibili nei paesi latino-americani. Tuttavia una parte dei cittadini ha dimostrato di rifiutare la corruzione, esigendo  servizi migliori, maggiore sicurezza e una rete più efficiente di infrastrutture. In molte regioni persiste anche la preoccupazione a fronte del cambiamento climatico e di altre questioni ambientali sentiti oggi, ed in possibile peggioramento. Questi impatti potrebbe tradursi in miliardi di dollari di danni, e minacciare i vantaggi dello sviluppo, duramente conquistati. Una giuria di esperti ha discusso le prospettive per l’America Latina per il raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile entro il 2030 e le probabili implicazioni di un nuovo accordo globale sui cambiamenti climatici per la regione.

(tratto dal canale ‘Youtube‘ di ‘Watson Institute for International and Public Affairs’)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->