giovedì, Settembre 23

America latina, crisi finanziaria come negli anni ’80?

0

Le crisi economiche multiple subìte in passato dall’America Latina, e quelle ancora più gravi che hanno colpito le banche, sono state accompagnate, quasi sempre, da svalutazioni nette e persistenti. Questa volta, le enormi svalutazioni monetarie, stimate in oltre il 50% in alcuni paesi, derivanti dal continuo shock dei prezzi delle materie prime, e dalla volatilità dei mercati internazionali, hanno determinato la contrazione della crescita produttiva. Inaspettata, quanto mai reale, l’attuale recessione del Brasile, anche se in questo caso non si registra alcuna crisi finanziaria. Durante il summit presso il Centro ricerche di Sviluppi Globali, gli esperti hanno discusso e si sono domandati come potrà l’America Latina evitare condizioni internazionali sfavorevoli, facendo in modo che queste non si riflettano in gravi crisi finanziarie come quelle degli anni ’80 e ’90. Il fenomeno preso in considerazione, nel corso del panel di discussione, ha riguardato l’analisi e lo studio della probabile esistenza di una relazione tra esposizione a vulnerabilità finanziarie, e le gravi crisi economiche e di sviluppo dei vari Paesi latino americani.

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘Global Center for Development’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->