domenica, Settembre 19

Amazon venderà i propri prodotti a marchio privato field_506ffbaa4a8d4

0

Amazon inizierà a vendere i propri prodotti alimentari e non a marchio privato. Quindi si potrà presto acquistare noci, caffè, pannolini e spezie a marchio Amazon.

Il servizio di consegna fresca di Amazon è solo la punta dell’iceberg dei generi alimentari che fornirà il rivenditore online. Secondo un rapporto del ‘Wall Street Journal’, Amazon venderà presto i suoi beni a marchio privato sul suo sito web, compresi i prodotti alimentari deperibili, già a partire dalla fine di maggio.

Amazon ha sviluppato prodotti a marchio privato per molti anni. Happy Belly, Wickedly Prime e Mama Bear sono tra i nomi dei nuovi marchi che Amazon venderà. Inoltre la società fornirà prodotti quali le noci, spezie, alimenti per l’infanzia e caffè.

Il marchio Mama Bear si concentrerà sui prodotti per bambini, come i pannolini. Happy Belly sarà invece per prodotti alimentari come gli oli, le spezie, il tè e le noci. Infine, Wickedly Prime sarà il marchio utilizzato per gli snack. Come sarà il rapporto marchio-costo resta ancora da vedere, ma generalmente i prodotti a marchio Amazon sono venduti a prezzi vantaggiosi.

Amazon sta seguendo le orme di molti grandi rivenditori come Walgreens e Sephora, che vendono non solo marchi noti ma anche i loro marchi privati. Il rivenditore online vende già alcuni beni con il brand Amazon Basics, ma questi prodotti sono per lo più limitati all’elettronica come i cavi HDMI, le batterie e le ciabatte.

 

 

(video tratto dal canale YouTube di Wochit Business)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->