sabato, Aprile 17

Alluminio, esperimenti sul suo riciclo I ricercatori del progetto europeo RedMud stanno sperimentando un metodo innovativo

0

Riciclare l’alluminio, o per meglio dire i rifiuti generati dalla sua produzione industriale, non è uno scherzo. Per capire i modi più efficienti e sostenibili di riciclo, i ricercatori del progetto europeo RedMud, usano una fornace che raggiungere i 1400° C. In questa struttura, gli scarti della produzione primaria di alluminio vengono miscelati con carbone e quindi fusi a temperature molto elevate. Risultato: una miscela che può essere riutilizzata nell’industria dell’acciaio.

In particolare ogni anno vengono prodotti circa 150 milioni di tonnellate di alluminio in tutto il mondo; meno del 2% viene tuttavia attualmente riutilizzato. L’approccio termico aiuta a trasformarlo in una miscela il cui contenuto è molto ricco di ferro.

Gli scienziati del progetto di ricerca europeo praticamente sciolgono i rifiuti metallici: una volta che questi si sono sciolti, li raffreddano nel secchio. Il prodotto finale che si ottiene è simile al vetro e potrebbe essere utilizzato, ad esempio, come sostanza reattiva per la costruzione di materiale da costruzione. Comunque l’obiettivo dei ricercatori è moltiplicare la quantità di alluminio riciclato nel prossimo decennio.

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->