domenica, Maggio 16

All'Havana il festival del sigaro Sono stati oltre 2 mila i partecipanti, provenienti da 60 Paesi

0

La diciottesima edizione del Festival del Sigaro Cubano si è tenuta dal 29 febbraio al 4 marzo nella capitale, Havana, ed è una delle più importanti manifestazioni a carattere mondiale.

Con la distensione dei rapporti tra Cuba e gli Stati Uniti il mercato del sigaro si prepara a conoscere una nuova stagione a molti più zeri. Già nel 2015 ha fatto registrare un più 4% delle vendite e un giro d’affari di quasi 400 milioni di euro.  Il fatto che il sigaro Habano sia costituito da foglie intere, tutte coltivate e assemblate a Cuba lo rende pregiato come un oggetto di artigianato e sembra accenda una passione particolare. Una passione testimoniata anche dai numeri: sono stati oltre 2 mila i partecipanti, provenienti da 60 Paesi.

Il sigaro ‘Cohiba 50 Aniversario’, celebrativo dei 50 anni della marca più prestigiosa, costosa e iconica tra le cubane, è stato battuto all’asta (per 320 mila euro) insieme a una serie di esclusivi Humidor. I proventi andranno a finanziare il Sistema di Salute Pubblica Cubano. Inoltre, durante il Festival Habanos si sono tenute visite alle piantagioni di tabacco e alle più celebri fabbriche di sigari.

 

(video tratto dal canale YouTube di Euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->