martedì, Maggio 11

Allarme Europol: 'ISIS programma nuovi attacchi in Europa' Tra i Paesi nel mirino ancora la Francia

0

‘L’Isis sta programmando attacchi su larga scala in Europa’. A lanciare l’allarme l’Europol, che in occasione dell’inaugurazione del Centro europeo anti-terrorismo pubblica un report sullo Stato islamico. «Sappiamo che hanno una forte capacità di mettere a segno attentati su larga scala. Tutti i Paesi Ue lavorano per prevenire», dice il direttore dell’Agenzia anticrimine europea Rob Wainwright durante la conferenza stampa nell’ambito della riunione dei ministri dell’Interno Ue ad Amsterdam, dove i rappresentanti dei 28 Stati cercano un accordo per un coordinamento tra le singole intelligence nazionali per evitare nuove falle investigative come accaduto dopo le stragi del 13 novembre e per la caccia a Salah Abdeslam. Tra i Paesi nel mirino ancora la Francia: «Ci sono tutte le ragioni per aspettarsi che l’Isis, o terroristi che si ispirano all’Isis o un altro gruppo terroristico ispirato da motivi religiosi possa condurre di nuovo un attacco in Europa, in particolare in Francia, con lo scopo di provocare morti di massa tra la popolazione civile. Gli attacchi di Parigi e le indagini sembrano indicare un passaggio verso una strategia più ampia di globalizzazione dell’Isis».

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->