lunedì, Giugno 27

Alcune celebrità che amano il gioco di carte del blackjack Che sia per puro divertimento, per una partita di beneficenza o anche solo per tentare di vincere, ecco quali star amano questo gioco di carte

0

Il blackjack è uno dei giochi di carte più popolari al mondo. Nonostante le numerose regole di questo passatempo, il blackjack è un gioco alla portata di tutti, il che ha notevolmente contribuito all’aumento della sua popolarità – dovuta anche alla crescita del mercato dei casinò online che offrono numerosi tavoli da gioco dedicati proprio al blackjack.

Non sorprende quindi che anche ad alcune delle più famose celebrità del nostro pianeta piace giocare al blackjack, che sia per puro divertimento, per una partita di beneficenza o anche solo per tentare di vincere: nell’articolo di oggi scopriremo quali star amano giocare al blackjack nel proprio tempo libero.

Ben Affleck

Forse conoscete Ben Affleck per il suo ruolo in Batman, ma sapevate che è anche un grande appassionato di giochi di carte e casinò? Nel corso degli anni il suo amore per il blackjack ha più volte attirato l’attenzione dei fan e dei media: nel 2014 balzò alla ribalta delle cronache quando gli fu chiesto di allontanarsi dal tavolo del blackjack dell’Hard Rock Casino di Las Vegas perché stava vincendo troppe partite. Il casinò lo aveva accusato di contare le carte, una strategia che, sebbene legale, è malvista dalla maggior parte dei casinò. In seguito, Ben ha ammesso di aver dedicato molto del proprio tempo libero all’apprendimento delle strategie più avanzate del gioco.

Matt Damon

Se è vero il popolare adagio “dimmi con chi vai e ti dirò chi sei”, non sorprende che anche Matt Damon, proprio come il migliore amico Ben Affleck, sia un appassionato di blackjack. Pare che Matt abbia iniziato a maturare l’interesse per il blackjack nel lontano 1998, durante le riprese del film Il giocatore – Rounders. Matt e Ben siedono regolarmente ai tavoli da blackjack dei migliori casinò: la loro più celebre avventura insieme è stata al Seminole Hard Rock Casino, dove entrambi hanno guadagnato quasi un milione di dollari in una sola notte.

Vittorio de Sica

Anche tra le celebrità del nostro Stivale non mancano gli amanti del casinò, e tra questi un noto appassionato è il regista Vittorio De Sica. L’artista ha sempre raccontato apertamente la sua passione per il gioco, soprattutto per il blackjack e la roulette, confluita anche nei suoi successi sul grande schermo, tra cui Il conte Max e L’oro di Napoli. È noto che l’uomo amasse trascorrere le vacanze estive nella località di Ischia: in una sua dichiarazione arrivò persino a sostenere che l’unica ragione per cui non avrebbe mai potuto trasferirsi sull’isola era la mancanza di un casinò fisico.

Michael Jordan

L’elenco delle celebrità amanti del blackjack sarebbe incompleto senza il grande Michael Jordan. Considerato da molti il più grande giocatore di basket di tutti i tempi, l’atleta è noto per il suo spirito competitivo dentro e fuori dal campo. Spesso è stato fotografato nei migliori casinò della East Coast, dove ama dilettarsi con questo popolarissimo gioco di carte. E proprio grazie alla sua reputazione da esperto giocatore, numerosi casinò gli hanno chiesto di collaborare alla pubblicizzazione di alcuni eventi in programma e al lancio di nuovi prodotti di gioco.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->