mercoledì, Maggio 12

Alcosynth, l’alcool sintetico senza hangover David Nutt con il suo prodotto ha tolto l'acetaldeide che causerebbe nausea e mal di testa

0

Chi non ha mai dovuto avere a che fare con i postumi di una sbornia? In tanti infatti temono (e odiano) l’hangover, ossia gli effetti successivi ad una ubriacatura. Ora però c’è una speranza per chi beve alcolici: nessun effetto traumatico il giorno successivo grazie a David Nutt.

Lo scienziato e professore ordinario al London Imperial College infatti afferma di essere riuscito finalmente a trovare un rimedio definitivo alla tremenda esperienza post-sbronza grazie ad un tipo di alcool sintetico di sua invenzione chiamato Alcosynth. L’innovazione è l’eliminazione dell’acetaldeide che causerebbe appunto nausea e mal di testa e, secondo lo IARC, se consumato nelle bevande alcoliche sembra possa anche essere cancerogeno.

Nutt ha condotto le sue ricerche per oltre dieci anni e su oltre ottanta sostanze differenti. Ora col suo team sta lavorando con la Britain’s Food Standard Agency per trovare la versione finale di Alcosynth che possa davvero evitare i danni causati dalle sbronze.

«Alconsynth sarà presente nello scotch e nel gin, i baristi metteranno l’Alcolsynth nei vostri cocktail e potrete quindi vivere il piacere di bere senza danneggiare il vostro fegato o il vostro cuore», ha affermato Nutt. Una volta che verrà approvato dalla Food Standard Agency, il team di Nutt dovrà raccogliere circa dieci milioni di Euro per affrontare le valutazioni riguardo la sicurezza medica del composto. E lo scienziato spera che di riuscire a costruire almeno 100 stabilimenti che producano Alcosynth entro il 2020.

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->