Al-Zawahiri è morto, al-Qaeda non sta bene L'uccisione di Ayman al-Zawahiri pone pesanti interrogativi sul futuro di al-Qaeda e sulle effettive potenzialità dell'antiterrorismo americano. Il primo appare a fine di un'era; per il secondo: giudizio sospeso

L’uccisione di Ayman al-Zawahiri, leader della rete terroristica di al-Qaeda dalla morte, nel 2011, di Osama bin Laden, e una delle menti degli attentati dell’11 settembre, getta sul tappeto alcuni temi non trascurabili: le capacità dell’antiterrorismo americano; il futuro di al-Qaeda.

Tutti considerano questa uccisione, dopo tanti anni di lavoro speso, tanta fatica operativa, tanti investimenti, un grande successo. I ‘ma’ però non mancano.
In primo luogo si riconosce che il ritiro delle truppe americane dall’Afghanistan, lo scorso agosto 2022, non ha impedito all’intelligence americana di scovare un pezzo da novanta come al-Zawahiri, ovvero la correttezza della convinzione del Presidente Joe Biden per quella che lui stesso ha definito la capacità di attacco «oltre l’orizzonte», per colpire «terroristi e obiettivi». qualcosa a cui un anno fa, in pochi fuori dalla Casa Bianca credevano.

Adam Weinstein, ricercatore presso il Quincy Institute, afferma che serve «riconoscere quanto fosse sbagliato il pensiero di gruppo convenzionale sui limiti dell’antiterrorismo post-ritiro», «come un modo in cui gli Stati Uniti potevano gestire l’antiterrorismo dopo il ritiro, conducendo attacchi aerei e droni da basi al di fuori dell’Afghanistan».
Weinstein spiega i motivi per cui pochi esperti in sicurezza e terrorismo erano disposti a farsi convincere dall’antiterrorismo ‘oltre l’orizzonte’. «Una posizione oltre l’orizzonte è complicata da una minore intelligence umana, distanze di volo estese per droni e aerei con equipaggio e numerose altre limitazioni logistiche e di intelligence. Ma è una forma più sostenibile di gestione del rischio che devia necessariamente dall’inutile compito di eliminazione del rischio che ha dominato l’approccio statunitense all’antiterrorismo in Afghanistan negli ultimi vent’anni».

Le «prossime misure antiterrorismo del governo degli Stati Uniti dovrebbero basarsi su questo successo. Gli Stati Uniti devono reinvestire e raddoppiare nuovi modi di sviluppare l’intelligence umana al fine di contrastare la rinascita dei jihadisti in Afghanistan», sostiene Christopher P. Costa, ex ufficiale di carriera dei servizi segreti, direttore esecutivo dell’International Spy Museum e professore associato aggiunto presso la School of Foreign Service della Georgetown University. «È importante sottolineare che questo è esattamente ciò che gli Stati Uniti stanno mostrando che potrebbero fare. Ed è ciò che è necessario, date le preoccupazioni per una crescente minaccia jihadista lasciata a metastatizzare l’Afghanistan, nonostante la morte di Zawahiri».
Continua Costa, «un’opzione politica chiave per gli Stati Uniti deriva opportunisticamente da una guerra ombra in corso sullo sfondo di questo attacco riuscito. Ci sono roccaforti anti-talebane in Afghanistan dove hanno sede i combattenti mujaheddin noti come National Resistance Front of Afghanistan (NRF). Questi combattenti dell’opposizione stanno combattendo i talebani. Gli Stati Uniti devono sostenere una partnership con ribelli come la NRF perché non ci si può fidare dei talebani e gli Stati Uniti dovranno aumentare le proprie capacità di raccolta di informazioni in Afghanistan. Senza le truppe statunitensi sul campo per raccogliere informazioni, l’operazione contro Zawahiri ha convalidato che una ‘capacità oltre l’orizzonte’ può essere efficace. Ma una partnership di intelligence a lungo termine con ribelli anti-talebani come la NRF è un’ulteriore polizza assicurativa».

Secondo Nathan Sales, membro senior non residente della Scowcroft Middle East Security Initiative ed è un ex ambasciatore generale degli Stati Uniti e coordinatore per l’antiterrorismo, «la morte di Zawahiri solleva una serie di domande critiche sul futuro dell’antiterrorismo americano.
In primo luogo, la presenza di Zawahiri nell’Afghanistan post-ritiro suggerisce che, come temuto, i talebani stanno ancora una volta garantendo un rifugio sicuro ai leader di al-Qaeda, un gruppo con il quale il rapporto non si è mai interrotto. Zawahiri viveva in una casa sicura nel cuore di Kabul, cosa che avviene solo con l’approvazione dei talebani.
In secondo luogo, non è chiaro se il successo di domenica possa essere replicato contro altri obiettivi terroristici. Questo è stato il primo attacco di droni statunitensi in Afghanistan in quasi un anno eresta da vedere se l’Amministrazione ha la capacità o l’intenzione di smantellare sistematicamente le reti terroristiche nel Paese che minacciano la patria. Finché non ne sapremo di più, dovremmo resistere all’impulso di vedere l’attacco come una rivendicazione dell’antiterrorismo ‘oltre l’orizzonte’. Terzo, il prossimo uomo nella classifica di al Qaeda è Saif al-Adel, che è stato a lungo ospite del regime iraniano. Teheran e al-Qaeda hanno fatto causa comune contro i loro comuni nemici negli ultimi anni. Dovremo tenere d’occhio come sarà la loro relazione, e se, come previsto, Saif salirà al ruolo di primo piano in al-Qaeda».

Interrogativi, dubbi che Norman Roule, ex manager dell’intelligence nazionale per l’Iran nell’ufficio del direttore dell’intelligence nazionale USA, condivide e va oltre. L’uccisione del leader di al-Qaeda «è stata il risultato della ricerca decennale? È stato tradito da funzionari talebani che cercavano la ricompensa per tali informazioni o il sostegno degli Stati Uniti per la restituzione dei beni afgani congelati? Zawahiri ha autorizzato operazioni che hanno creato increspature che hanno permesso di conoscere la sua posizione? Il rapporto iniziale colloca anche la sua uccisione a Kabul. Da quanto tempo era lì e chi era con lui quando è morto? Cosa ci dice questa operazione sulle capacità dei droni statunitensi? Alcune di queste risposte non saranno mai note al pubblico. La presenza di lunga data di Zawahiri in Afghanistan sottolinea la necessità di mantenere una solida copertura dell’intelligence su quel Paese distrutto e ambienti simili, e dovremmo stare attenti a sopravvalutare le capacità oltre l’orizzonte».
Che poi il «mantello della leadership di al-Qaeda possa cadere su Saif al-Adel, che secondo quanto riferito è in custodia in Iran», Roule lo ritieneprobabile.

Non è un segreto «che la Nazione più potente della terra abbia dato la caccia a Zawahiri ben prima dell’11 settembre e per vari motivi», afferma Mike Nagata, ex direttore della direzione della pianificazione operativa strategica presso il National Counterterrorism Center e un consulente strategico e vicepresidente senior di CACI International. «Il solo fatto che gli Stati Uniti abbiano impiegato così tanto tempo per concludere con successo la sua carriera di terrorista dovrebbe farci riflettere. In secondo luogo, se i rapporti secondo cui Zawahiri è stato ucciso mentre viveva all’interno della capitale afgana Kabul sono accurati, la nostra capacità di assaporare questo successo operativo è almeno in parte diminuita dalla conferma che il caotico ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan ha ripristinato una significativa libertà d’azione per al-Qaeda», dice Mike Nagata. «Terzo, per quanto gradita possa essere la rimozione di un altro leader di al-Qaeda, non può mascherare la realtà strategica che al-Qaeda è stata comunque in grado di espandersi e metastatizzare a livello globale nonostante i nostri migliori sforzi. Oggi opera in franchising e reti pericolose e, in molti casi, in crescita sono in Asia meridionale, Asia centrale, Medio Oriente e Africa. La morte di Zawahiri fa ben poco per cambiare le cose» e la guerra contro l’organizzazione è tutt’altro che finita.

Sulla capacità di al-Qaeda di darsi un futuro non credono in molti. Christopher K. Harnisch, ex vice coordinatore per l’antiterrorismo presso il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, afferma: «Al-Zawahiri era stato una figura fondamentale nel movimento jihadista salafita sin dagli anni ’70, quando si unì al gruppo della Jihad islamica egiziana». In seguito ha co-fondato al-Qaeda insieme a bin Laden, «ha orchestrato molteplici attacchi terroristici contro gli Stati Uniti e ha servito come leader ideologico per il movimento jihadista islamista salafita globale». Bene la sua eliminazione, ma «potrebbero sorgere domande sull’efficacia operativa e sull’impatto complessivo dell’uccisione di al-Zawahiri; dopotutto, al momento della sua morte, era poco più che una figura di spicco per l’organizzazione, le cui dichiarazioni pubbliche negli ultimi anni sembravano più volte a dimostrare che aveva ancora il polso della situazione, piuttosto che a fornire una guida strategica al gruppo o ad ispirare i jihadisti».

Al Qaeda ha ristagnato durante la guida di Zawahiri, afferma Daniel Byman, docente alla Georgetown University e ricercatore presso il Center for Middle East Policy presso la Brookings Institution.. ‘The Doctor’, come era chiamato, nonostante alcuni notevoli successi -ottenuti mantenendo la lealtà dei luogotenenti chiave, stabilendo nuovi affiliati in luoghi come l’Asia meridionale e convincendo gli alleati esistenti a concentrarsi maggiormente sul prendere di mira gli Stati Uniti-, durante la sua guida dell’organizzazione, i leader di al-Qaeda sono stati più occupati a fuggire e nascondersi, nel tentativo di rimanere vivi e rilevanti, che sull’ideazione di attacchi spettacolari contro l’Occidente, afferma Byman. Certo, riconosce il docente, quando le forze statunitensi hanno ucciso bin Laden, nel 2011, Zawahiri ha preso il timone dell’organizzazione, garantendo continuità al movimento in un momento in cui avrebbe potuto andare in pezzi.
Sotto la sua guida, al Qaeda ha apportato diversi importanti cambiamenti. Ha dato ai gruppi affiliati più autorità per perseguire i propri obiettivi, giustificando questo come un modo per mantenere forte il movimento generale. Ha anche assunto nuove affiliate come al-Shabab nel Corno d’Africa, aiutando il gruppo a sviluppare esplosivi per colpire l’aviazione statunitense. E’ stato in grado di dare ad al Qaeda un punt. Questo lo si deve anche al fatto, sottolinea Byman, che Zawahiri si è dimostrato paziente e pragmatico. Ha continuato un rapporto di lavoro con Teheran, la principale potenza sciita, nonostante l’ostilità reciproca tra molti dei suoi seguaci e i musulmani sciiti. Fino ancora ad oggi, l’Iran fornisce ancora almeno un rifugio limitato ai principali membri di al Qaeda.

«Le organizzazioni terroristiche di tutte le ideologie, ma in particolare le organizzazioni terroristiche islamiche salafite, sono intrise di simbolismo e tradizioni, e l’eliminazione di uno degli antenati del movimento terroristico colpirà senza dubbio il morale di al-Qaeda. -così come influenzare la sua capacità di reclutare. Inoltre,l’omicidio alimenterà la sfiducia all’interno dei ranghi della leadership di al-Qaeda, mentre si chiedono chi abbia venduto al-Zawahiri o quale errore di sicurezza operativa possa aver portato alla sua morte. Li costringerà ad adottare misure più drastiche per eludere il rilevamento», rileva Christopher K. Harnisch.
«È anche probabile che la morte di al-Zawahiri abbia un impatto sulle dinamiche del potere islamista in Afghanistan». Al-Zawahiri aveva un legame di antica data e stretto con molti degli alti dirigenti talebani, quelli che hanno combattuto al suo fianco negli anni ’80 e gli hanno fornito rifugio nei decenni successivi. «La sua eliminazione arriva in un momento di tensione e competizione all’interno dei ranghi talebani: solo un mese fa, il leader supremo dei talebani, Habitullah Akhundzada, ha convocato un raduno di leader religiosi allineati ai talebani e ha chiesto promesse di obbedienza nel tentativo di consolidare il potere. La morte di al-Zawahiri, sotto la sorveglianza di Akhundzada, un uomo a cui al-Zawahiri ha giurato fedeltà a nome di al-Qaeda nel 2016, rischia solo di esacerbare le crepe già esistenti all’interno dei talebani, e quindi indebolire la loro capacità di governare».

William F. Wechsler, direttore del Rafik Hariri Center ed ex vicesegretario aggiunto alla Difesa degli Stati Uniti per le operazioni speciali e la lotta al terrorismo, individua l’altro e più evidente problema che ora hanno i talebani. «Gli alti funzionari dell’Amministrazione Biden hanno chiarito che gli alti dirigenti della rete Haqqani», la fazione talebana inclusa nella lista delle organizzazioni terroristiche e che è parte del governo dei talebani, con Sirajuddin Haqqani, leader della Rete Haqqani, attualmente Ministro dell’Interno, «hanno sostenuto il trasferimento di Zawahiri a Kabul e hanno aiutato a scacciare la sua famiglia dopo l’attentato. Al momento non sembra chiaro se altri leader talebani fossero coinvolti in modo simile nel fornire rifugio al leader di al-Qaeda nella loro capitale. Se hanno fornito rifugio, gli impegni che avevano firmato a Doha erano privi di significato. In caso contrario, dovrebbero agire contro gli Haqqani. In entrambi i casi, i talebani improvvisamente ora hanno molto di più da dimostrare al mondo esterno».
Ovviamente, però, le ripercussioni più importanti si avranno su al-Qaeda. Wechsler afferma: «Sebbene non fosse un leader operativo come bin Laden,Zawahiri ha fornito una guida strategica alla rete di organizzazioni ampiamente dispersa di al-Qaeda, esortandole costantemente ad attaccare la patria degli Stati Uniti, ed era una delle poche persone rimaste in grado di fungere dacollaper tenere insieme la rete. Ora che è morto, dovremmo aspettarci che al-Qaeda attraversi un periodo di tumulto interno che servirà all’obiettivo strategico degli Stati Uniti di fratturare l’organizzazione».
Già, per altro, decisamente ‘appassita’, secondo Norman Roule, che sottolinea come durante gli anni di al-Zawahiri, l’organizzazione si è ridotta a non essere più in «grado di esercitare un’influenza globale e le sue diramazioni ora si concentrano sul dominio specifico per Paese o regione, proprio come vediamo in Africa o nello Yemen».

Un ‘appassimento’ dato anche, e forse soprattutto, «dall’ascesa dello Stato Islamico in Iraq e Siria a metà degli anni 2010, sebbene ci siano ancora cinque gruppi sparsi nel mondo in Siria, Yemen, Africa, e l’Asia meridionale che si considerano affiliati di al-Qaeda e hanno vari gradi di capacità o intenzioni di lanciare attacchi contro gli interessi occidentali o statunitensi a livello locale», come afferma Javed Ali, ex direttore senior per l’antiterrorismo presso il Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti e professore associato presso la Gerald R. Ford School of Public Policy dell’Università del Michigan. Insomma, al-Qaeda ha perso il suo status di gruppo leader nel movimento jihadista globale. Nel discutere del futuro dell’organizzazione dopo la morte di al-Zawahiri non si può prescindere da questo. Detto ciò, «la morte di al-Zawahiri segna probabilmente un nuovo e forse ultimo capitolo per ciò che resta dell’eredità di al-Qaeda iniziata in Afghanistan alla fine degli anni ’80», per quanto in questo momento resti la minaccia complessiva dei gruppi affiliati ad al-Qaeda all’estero. E’ la fine di un’era per al-Qaeda.

Nel bene e nel male, ma soprattutto nel loro sfarinamento e relativo tramonto (non terminato), al-Qaeda e lo Stato Islamico hanno molto in comune, a partire dalle radici.

Sotto la guida di al-Zawahiri, afferma Daniel Byman, «al-Qaeda ha subito un duro colpo nel 2013. All’epoca, la guerra civile siriana ha consumato l’attenzione del mondo, con la resistenza contro il regime del Presidente siriano Bashar al-Assad che si è rivelata popolare sia tra i musulmani che tra i non musulmani. La filiale irachena di al-Qaeda, all’epoca conosciuta come lo Stato islamico dell’Iraq, voleva naturalmente svolgere un ruolo e fondò Jabhat al-Nusra per combattere il regime siriano.

Ne è seguita una lotta di potere tra Zawahiri e il ramo iracheno di al Qaeda su chi avrebbe controllato la neonata organizzazione siriana. Quella scissione alla fine spinse il gruppo iracheno a dichiararsi lo Stato islamico di Iraq e Siria, che presto eclissò al Qaeda con la sua ferocia e il suo successo sul campo di battaglia. Ha dichiarato il califfato nel 2014.
Zawahiri, tuttavia, si è mobilitato. Gli affiliati di Al-Qaeda in luoghi come lo Yemen e l’Asia meridionale sono rimasti fedeli, mentre gli alleati internazionali dello Stato Islamico hanno perso terreno in luoghi come il Sinai egiziano e la Libia, dove hanno controllato brevemente un territorio significativo. Ancora più importante, il califfato dello Stato Islamico, che ha elettrizzato il più ampio movimento jihadista, si è fatto troppi nemici e, come avevano previsto gli jihadisti pragmatici come Zawahiri, ha costantemente perso terreno. Il califfato ha perso il suo ultimo territorio significativo nel 2019, diminuendo il suo fascino.
Nonostante l’impressionante rimonta di Zawahiri, al Qaeda non è ancora in grado di realizzare molte delle sue ambizioni. I devastanti attacchi dei droni statunitensi hanno ripetutamente preso di mira la leadership centrale e le operazioni di intelligence globale hanno sottoposto i militanti jihadisti a un rischio molto maggiore di essere scoperti e arrestati rispetto all’era precedente all’11 settembre.

Nella sua revisione della corrispondenza di al-Qaeda recuperata e declassificata che discuteva della campagna statunitense con i droni, l’analista Bryce Loidolt ha scoperto che gli attacchi aerei “hanno eroso la qualità della base del personale di al-Qaeda, hanno costretto il gruppo a ridurre le comunicazioni e altre attività e hanno costretto [i membri del gruppo] a fuggire dal loro rifugio sicuro nelle regioni tribali del Pakistan”, con alcuni che vanno in Iran e altri che si disperdono in varie zone di guerra».

Al-Qaeda è in crisi, e negli anni la situazione è solo peggiorata. Le «più grandiose visioni di bin Laden e al-Zawahiri non sono state affatto realizzate», secondo Daniel Byman. «Al-Qaeda significala base‘ in arabo, ed è ciò che bin Laden e al-Zawahiri speravano di fornire: una base di sostegno per i jihadisti di tutto il mondo per aiutarli a espellere gli invasori stranieri, rovesciare i loro stessi regimi e affrontare il nemico lontano‘ -gli Stati Uniti e il più ampio Occidente». Per un certo periodo sono stati molto vicini a realizzare questo obiettivo, poi nulla è andato nel verso del raggiungimento della meta. «Al-Qaeda stessa non è popolare tra i musulmani, che mostrano scarso sostegno alle sue idee estremiste. Nessuno Stato a maggioranza musulmana è vicino a diventare la teocrazia immaginata da al-Qaeda, con l’eccezione del dominio talebano in Afghanistan, che era già in vigore fino a quando gli attacchi dell’11 settembre di al-Qaeda l’hanno interrotta».

Ora la situazione per Al-Qaeda è davvero demoralizzante. L’Egitto, «ha un dittatore militare, e il regime saudita, che controlla i luoghi più sacri dell’Islam, sta cercando di moderare il suo zelo religioso, riunendo persino i giovani sauditi per ballare in un rave di quattro giorni.

Libia, Siria e Yemen sono crollate in guerre civili, ma i jihadisti non stanno trionfando: i loro sforzi si aggiungono semplicemente all’uccisione e alla miseria della gente comune. Queste guerre stridenti hanno portato gli americani a sostenere il ritiro dall’Afghanistan e un ruolo ridotto altrove nella regione, ma la presenza delle truppe statunitensi a livello globale e in Medio Oriente è ancora considerevole. Dall’11 settembre, gli Stati Uniti hanno un punto d’appoggio in nuovi luoghi come l’Iraq e la Siria, così come distaccamenti più piccoli che combattono i jihadisti in altri Paesi arabi, Africa e Asia. Se l’obiettivo era cacciare gli Stati Uniti e i loro alleati dalle terre popolate da musulmani, al-Qaeda ha fallito».

Zawahiri può essere ricordato come una figura custode. Al-Qaeda avrebbe potuto crollare dopo l’assassinio di bin Laden, le capacità organizzative e la prudenza di Zawahiri hanno garantito la sua sopravvivenza. Allo stesso tempo, «le grandi aspirazioni degli anni di Bin Laden, quando gli attacchi di al Qaeda provocarono un enorme cambiamento nella politica estera statunitense e divennero parte importante del discorso politico in molti Paesi a maggioranza musulmana, sembrano molto lontane dalla realizzazione.

Qualsiasi successore deve superare le trappole che al-Zawahiri ha dovuto affrontare. Al Qaeda si confronta ancora con rivali formidabili come lo Stato Islamico, mentre gli affiliati di al Qaeda sembrano più concentrati su obiettivi locali che su ‘nemici lontani’. La campagna antiterrorismo statunitense limita la raccolta fondi, i viaggi e le comunicazioni, rendendo difficile per chiunque, ma soprattutto per un nuovo leader, consolidare il controllo e dirigere un movimento globale. Forse un leader più carismatico potrebbe riportare al-Qaeda ai suoi giorni di gloria, ma sembra altrettanto probabile un declino costante», conclude Daniel Byman.