venerdì, Maggio 14

Al vertice di Vienna si discute di Libia e Siria field_506ffb1d3dbe2

0

Le potenze mondiali che lavorano per promuovere una risoluzione al piano di guerra civile in Siria si incontrano oggi e domani a Vienna, nel tentativo di dare nuovo dinamismo alla soluzione delle crisi in Libia e Siria, irrobustendo i fragili sviluppi positivi registrati, nonostante ostacoli e contraccolpi, nelle ultime settimane.

Saranno il ministro degli Esteri italiano Paolo Gentiloni e il segretario di Stato americano John Kerry a presiedere, oggi a Vienna, la ‘conferenza per la stabilità’. Al centro del vertice la situazione in Libia e gli sforzi internazionali per stabilizzare la situazione nel Paese. Vi parteciperanno i ministri degli Esteri e gli alti rappresentati di una ventina di Paesi occidentali e arabi, oltre a quattro organizzazioni internazionali.

Inoltre, il segretario di Stato americano John Kerry ha incontrato il re saudita Salman a Jeddah. I due hanno discusso dei conflitti in Siria, Libia e Yemen e della fragile tregua in Siria proprio due giorni prima dei colloqui di Vienna che mirano, a tal proposito, a risolvere tale crisi. Kerry ha poi aggiunto che spera di rafforzare un accordo di ‘cessazione delle ostilità’ tra le forze governative siriane e i ribelli. L’obiettivo è quello di aumentare le consegne di aiuti umanitari alle zone assediate. Non solo, John Kerry sostiene che i colloqui di Vienna abbiano anche lo scopo di costruire un accordo USA-Russia per cercare di ristabilire un ‘cessate il fuoco’ a livello nazionale.

 

 

 

 

(video tratti dal canale YouTube di CCTV News)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->