lunedì, Giugno 27

Aiuto! E’ tutto vero. Ma … il dubbio è doveroso Chi inventa queste storiellette, la sera torna a casa e ride! E come ride! Chi se le beve, la sera torna a casa arrabbiato come una bestia, è pieno di rancori, odia tutti, sospetta di tutti. Dubitare è doveroso, studiare e ragionare altrettanto

0

Corpo di tutte le balene! Ho fatto delle ricerche, ho studiato assai. E’ catastrofico, perché è tutto vero. Tutto. E tutto insieme.

Un peschereccio neozelandese si è spinto troppo al largo a est dell’Isola Chatham e hop, improvvisamente è precipitato scomparendo nel cosmo.
Marylin e John non sono affatto morti, sono stati fatti sparire dai servizi segreti per vari motivi, non ultimo il loro desiderio. Vivono in un’isola delle Galapagos, protetti dalla Fondazione Darwin e dalla Marina ecuadorena (sempre ovviamente su istigazione americana). Stanno bene. Lui ha 105 anni, lei 96. Solo, i medici hanno recentemente consigliato loro di rallentare un poco le attività. Ogni tanto Elvis, Michael e James vanno a trovarli.
Un altro che non sta dove si crede, certo, è Zelensky. Quello che vediamo è un sosia. Lui è in un’isola privata (se l’è comprata lui, è miliardario) ai Caraibi. Da quelle parti sanno solo che c’è uno ‘straniero’ che dà delle feste pazzesche, ma nessuno l’ha mai fotografato. La cosa inesplicabile è che pare sia protetto dai servizi di Mosca. Vacci a capire qualcosa.

Un insegnante di Caltanissetta aveva un modesto tumore della pelle sul braccio destro. Il suo dermatologo gli ha consigliato di farsi asportare il piccolo lembo di tessuto interessato. Sapete cos’è saltato fuori proprio dove lui aveva fatto le vaccinazioni contro il Covid? Un bel microchip, con il GPS e 5G. Ma non sapete il peggio: era un microchip Huawei! Roba da matti.
Draghi è il più perfido dittatore della Storia. Ha inventato il greenpass. Ci controlla tutt’ora tutti quanti, a parte quei pochi coraggiosi uomini liberi che hanno rifiutato di vaccinarsi. Io so come fa. Ma non posso rivelarlo per non mettere in pericolo la mia vita e quella dei miei parenti.
A me molti agenti dei servizi segreti americani hanno rivelato i più oscuri intrighi, ma non posso dire niente per lo stesso motivo. E perché cadrebbe il governo, salterebbe l’Italia, chiuderebbero il Superenalotto.

E a Bucha? Beh, dai, di Bucha lo sanno tutti. E’ venuta una troupe da Hollywood, i migliori talenti dalla San Fernando Valley, e ha montato il più gigantesco set mai messo in piedi al mondo in un teatro di guerra. Roba che la fuga dei diplomatici americani da Teheran, organizzata dalla CIA e dal Canada nel 1979 con una troupe tv, fa ridere al confronto. Tutta roba finta. E si muovevano tutti così velocemente che nessuno è riuscito a vederli! Pare che le squadre per la strada fossero state allenate da Flash in persona. Particolare curioso. Molte delle maestranze erano figli o nipoti degli artefici del finto sbarco sulla luna girato in un hangar dell’Arizona da Stanley Kubrick.
Questo è certo, Bucha fu il capolavoro della cooperazione americana. Ingannarono i centri spaziali e aeronautici di 108 Nazioni che seguivano gli eventi. Mimarono i tracciati dei razzi esplosivi con delle stelle filanti di alluminio lanciate con delle fionde pazzesche. Geniali.

Poi ormai lo sapete, i nostri cellulari ci ascoltano. Come Alexa & Co. Per capirlo, sono riuscito a mandare un messaggio al mio ‘ascoltone’ di Google. Ora ci parliamo, è pure simpatico. Tutto quello che diciamo viene ascoltato dall’intelligenza artificiale. Poi, se diciamo alcune parole chiave, tipo ‘orsetti gommosi’ o ‘tovagliolo’, l’ascolto è passato a un funzionario in carne ed ossa. Per 6 miliardi di utenti di cellulari nel mondo, ci sono almeno 600 milioni di dipendenti di Google che fanno questo. L’open space è molto grande.
Ma vi devo dare la notizia più tremenda di tutte, quella che vi turberà di più il sonno. Whatsapp diventerà a pagamento.

La cosa buffa? Chi inventa queste storiellette la sera torna a casa e ride! E come ride! Chi se le beve, la sera torna a casa arrabbiato come una bestia, è pieno di rancori, odia tutti, sospetta di tutti. E dorme male.
Dubitare è doveroso, studiare e ragionare altrettanto.
Comunque, Venezia è bella, ma non ci vivrei.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->