martedì, Maggio 18

Airbnb: arrivano le multe 'salate'

0

La città di San Francisco si impone all’interno del mercato degli affittacamere chiedendo più vigilanza da parte della piattaforme rispetto ai propri clienti. La fortunata azienda di affitti online Airbnb è tra le diverse piattaforme nel mirino dalla metropoli californiana, che annuncia multe salatissime, fino a 1000$, per tutti quei servizi di prenotazione online che non pubblicizzeranno solo ed esclusivamente strutture conformi ed in linea con le regole prestabilite per gli affittuari occasionali.

La società, che ha mosso i suoi primi passi proprio a San Francisco, non sembra essere intenzionata a regolamentare, secondo le nuove norme, il proprio servizio di hosting tanto da aver già depositato lo scorso Giugno una causa presso la coorte federale. Secondo Airbnb l’ordinanza diramata dalle autorità di San Francisco viola una legge federale che da tempo solleva siti come Facebook e YouTube dalla responsabilità per le informazioni pubblicate dagli utenti, che legittimerebbe allo stesso tempo coloro che pubblicano inserzioni relative a pernottamenti e vacanze. Un braccio di ferro che non del tutto facile però, dato che le intenzioni espresse dall’amministrazione della città sono volte alla tutela dei turisti, un elemento che potrebbe spingere la corte federale a respingere le richieste avanzate da Airbnb e pronunciarsi a favore delle istituzioni.

(fonte video tratta da canale YouTube ‘Wochit Business‘)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->