martedì, Ottobre 19

Agropiraterie, saranno introdotte misure efficaci?

0
1 2 3 4


In Italia, esiste un sistema ormai collaudato che si chiama italian sounding, un giro di affari parallelo che, come esplicitato anche nel disegno di legge, fattura milioni di euro. Come contrastare questo mercato nero della contraffazione?

E’ utile premettere che italian sounding e contraffazione sono fenoneni diversi. Nella stragrande maggioranza dei casi l’italian sounding non ha rilievo penale ma attiene alla sfera delle pratiche commerciali sleali. All’estero, poi, è spesso impossibile trovare istituti giuridici nazionali che sanzionino il richiamo ad un paese per prodotti non provenienti da quel Paese stesso. La diffusione del fenomeno e la sua rilevanza economica richiedono quindi uno sforzo informativo sui mercati, un adeguato contrasto costruito su campagne di informazione, intensificazione dei controlli, accresciuta efficacia delle iniziative giudiziarie, realizzazione di accordi internazionali bi o multilaterali e estensione dell’obbligo di indicazione dell’origine o provenienza. In tale contesto, il sistema dei controlli rappresenta il punto di riferimento per operatori e consumatori. Peraltro il successo mondiale di contrasto all’evocazione dei prodotti a DOP e IGP portato avanti dal Ministero tramite l’ICQRF sui siti Alibaba e Ebay testimonia che ci sono strumenti utili per difendere il Made in Italy. Il rafforzamento e il coordinamento del sistema diventano leve per fornire adeguate garanzie e contribuire a evitare distorsioni di mercato.

 

Esiste un pericolo di contraffazione agroalimentare perpetrata sul web, per esempio nella vendita e-commerce? In che modo si può e si deve contrastare?

Il pericolo esiste ed è molto attuale. Inoltre, il fenomeno è particolarmente insidioso per il potenziale numero di consumatori raggiungibile dalla rete. Come detto in precedenza, al fine di contrastare i fenomeni di contraffazione sul web sono stati siglati Protocollo d’intesa tra il Mipaaf, eBay, l’Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche (AICIG) e, da ultimo, con Alibaba per rafforzare la tutela, la promozione, la valorizzazione e l’informazione delle produzioni italiane, non solo DOP e IGP, e per favorire la presenza nel mercato online dei prodotti italiani autentici e di qualità. L’esperienza, unica a livello mondiale, di monitoraggio delle offerte di prodotti alimentari sulle piattaforme E-bay e Alibaba ha fatto registrare percentuali di successo su oltre il 65% delle segnalazioni con corrispondente rimozione del prodotto irregolare offerto.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->