mercoledì, Aprile 14

Agricoltura sostenibile? Nel futuro sarà sott'acqua

0

Bren Smith è un ex pescatore che si è trasformato in un imprenditore e agricoltore sostenibile che alleva molluschi e coltiva alghe. La sua azienda, la Thimble Island Oyster Co., gestisce una delle prime aziende agricole Ocean 3D sostenibili nel Paese. Immersa tra le isole Thimble di Long Island Sound, la sua fattoria di 40 acri utilizza l’intera colonna d’acqua per crescere una varietà di specie (che spaziano dalle alghe alle ostriche, dalle cozze alle capesante) ed è emerso come un modello nazionale per la produzione sostenibile locale alimentare, il restauro dell’oceano e lo sviluppo economico.

Una fattoria oceanica 3D è progettata per ripristinare, piuttosto che esaurire, i nostri oceani. L’azienda di Bren utilizza nuovi metodi di coltivazione per soddisfare la crescente esigenza di pesce sostenibile, il tutto mentre avviene il ripristino degli ecosistemi, la mitigazione del cambiamento climatico e la costruzione di una nuova economia blu-verde. «Noi cresciamo e produciamo cozze, ostriche, alghe, capesante e sale, tutto, anche del mare con il minimo ingombro sott’acqua. Gli effetti ambientali sono mozzafiato» ha commentato Bren.

Il suo modello di colture acquatiche si basa su due capisaldi: il primo è quello di crescere varie specie che aiutino nel restauro dell’ambiente, che mitighino il cambiamento climatico e aiutino il ripristino degli ecosistemi oceanici riducendo la pressione sul depauperamento delle risorse ittiche; il secondo, è invece quello di ri-immaginare il ruolo del pescatore, da cacciatore-raccoglitore a ‘imprenditore dell’oceano’, che produce cibo, carburante e fertilizzante per le comunità locali.

 

 

(video tratto dal canale YouTube di The Huffington Post)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->