venerdì, Aprile 16

Aggressioni di Colonia esempio di Taharrush Gamea? la conferma da parte del ministro della Giustizia tedesco Heiko Maas

0

Le violenze sessuali di San Silvestro a Colonia sono un classico esempio del Taharrush Gamea tipico dei Paesi arabi. Ad affermarlo il ministro della Giustizia tedesco Heiko Maas. Nulla dunque è stato casuale quindi nella notte di Capodanno nella cittadina tedesca. «Il fine ultimo sembra quello di voler imporre alle donne europee il modo di vivere dell’islam radicale: rimanere a casa, oppure uscire solo se accompagnate da un uomo di famiglia, e coperte in modo da non provocare il maschio. Chi si è macchiato di atti così vigliacchi vanta una lunga militanza in materia», si legge sul quotidiano ‘Il Giornale’.

«Durante i festeggiamenti dell’Eid El Fitr, la ricorrenza che chiude il mese di digiuno imposto dall’Islam è quasi abitudinario importunare ragazze in strada, fino a consumare atti di violenza sessuale. Anche in queste occasioni, gli aggressori agiscono in massa, rendendo difficile per le vittime la possibilità di difendersi. La sensazione di impunità per i responsabili è tale che le aree di maggior rischio sono quelle più popolari e trafficate e i parchi pubblici. Fatti come questo accadono con una certa regolarità in Tunisia, Egitto e Marocco, ma anche nei Paesi del Golfo Persico», si legge nel quotidiano italiano. A riprendere questa tesi del Taharrush Gamea il canale RT, che fa vedere un video registrato in Egitto nel 2012. Immagini forti ma che fanno capire a cosa le donne vanno incontro.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->