martedì, Settembre 28

Africa: novità per lo sviluppo economico Che sviluppo sostenibile per le infrastrutture in Africa?

0

In previsione del meeting sul ‘Finanziamento alle Infrastrutture, Sviluppo Alimentare e Crescita sostenibile in Africa con la collaborazione di ‘The Financial Times’, che si terrà a Londra il 25 febbraio 2016  Adrienne Klasa, economista, parla del continuo sviluppo economico e sociale dell’Africa che sta incoraggiando gli investitori a espandere i loro interessi nel continente africano. Tuttavia, rimane una pressante necessità di maggiori investimenti sulle infrastrutture. Il continente africano attrae miliardi di dollari di finanziamenti da aziende, organizzazioni multilaterali, i fondi pensione e società di private equity; fondi che hanno il potenziale per migliorare la produttività dell’Africa e trasformare la vita dei suoi cittadini.

Il meeting sul ‘Finanziamento alle Infrastrutture, Sviluppo Alimentare e Crescita sostenibile in Africasi basa sul successo della manifestazione inaugurale tenutasi nel 2015 che ha riunito i responsabili politici, le autorità di regolamentazione e rappresentanti dei fondi pensione, gestori patrimoniali, banche d’investimento, family office e uffici di ricchezza pluri-familiari – così come specialisti di mercatoavvocati e consulenti per lo sviluppo economico in vista di un potenziale di crescita sostenibile dell’Africa.

I relatori si baseranno su fatti reali studiati per esplorare una possibile soluzione per le infrastrutture del continente, indirizzata all’integrazione regionale della crescita delle infrastrutture, alle sfide e alle opportunità connesse con lo sviluppo del progetto, all’importanza delle infrastrutture per lo sviluppo sostenibile, alle tecniche di investimento necessarie per un progetto di successo, ai rischi e alle opportunità d’investimento, ai regolamenti e agli sviluppi in campo fiscale di tali iniziative.

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘FT Live‘ di ‘FT’, ovvero di ‘Financial Times’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->