sabato, Aprile 10

Africa, la FAO in allarme: 23 milioni di agricoltori a rischio Si tratta della situazione più preoccupante degli ultimi cinque anni. La FAO sollecita un intervento

0

Ancora una volta la FAO lancia il suo allarme per le popolazioni africane. Quest’anno la situazione sembra essere molto preoccupante, soprattutto per le conseguenza che porterà El Niño, il fenomeno climatico di surriscaldamento delle acque che si verifica in media ad intervalli di 5-7 anni. L’Organizzazione delle Nazioni Unite ha rilasciato il proprio comunicato stampa, in cui si evidenzia la situazione estremamente precaria causata dalla «peggiore siccità della regione ha assistito in 35 anni», con cattivi raccolti che hanno aggravato la malnutrizione cronica. Le famiglie più colpite dal fenomeno sono quelle che vivono nelle zone rurali (il 70 per cento si affida all’agricoltura in Africa del Sud), le quali hanno dovuto fronteggiare il conseguente aumento dei prezzi del mais e di altri alimenti di base.

David Phiri, coordinatore FAO per l’Africa del Sud, ha parlato della necessità di un intervento immediato, di modo che «gli agricoltori siano pronti a piantare entro ottobre quando cominceranno le piogge» per essere in grado di sostentarsi tramite l’autoproduzione. Qual è il compito della FAO? L’Organizzazione si impegnerebbe a garantire semi, fertilizzanti, macchinari di produzione e altri servizi di supporto per fronteggiare la devastante siccità che sta colpendo il sud del continente. Si è stimato, in cifre, che sono necessari almeno 109 milioni di dollari. La FAO ha poi diramato i dati secondo cui in vari Paesi tra cui Botswana, Swaziland, Sud Africa, Namibia e Zimbabwe si sono verificati più di 640.000 decessi nel bestiame correlati alla siccità, ai focolai di malattia e alla mancanza di pascoli. Dieci Paesi hanno richiesto l’assistenza, per aiutare agricoltori e allevatori: Lesotho, Madagascar, Malawi, Mozambico, Namibia, Sud Africa, Swaziland, Tanzania, Zambia e Zimbabwe.

(video tratto dal canale Youtube di ‘NewsBeat Social’)

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->