mercoledì, Aprile 14

Afghanistan: come procede lo scontro con talebani e Isis? Quali le forze in campo attualmente nel Paese? Proviamo a ricostruire la situazione

0

Il 19 settembre scorso il governo afghano ha deciso, su consiglio statunitense, di costituire una nuova milizia territoriale che dipenderà dal ministero della Difesa e che sarà dispiegata per proteggere le zone sottratte ai talebani e agli altri gruppi anti-governativi come l’Isis.

Il portavoce del ministero della Difesa, Dawlat Waziri, ha spiegato che «i miliziani saranno reclutati nelle zone che dovranno proteggere perché la loro conoscenza del territorio permetterà un lavoro più efficace».  Al momento non è dato sapere il numero delle persone che saranno arruolate in questo nuovo progetto per la sicurezza in Afghanistan, ma secondo alcune foti si parla di almeno 20mila uomini. La nuova milizia verrà addestrata in modo simile all’esercito regolare e avrà anche compiti offensivi.

In Afghanistan continua lo sforzo dell’esercito contro Isis, Talebani e altri gruppi jihadisti. E la risposta sul campo non è stata troppo soddisfacente, anzi. La creazione della Polizia Locale Afghana (ALP), composta da 20 mila miliziani e una delle cinque forze di polizia afghane, costituita sulla base delle milizie etniche tribali sperimentate dagli Usa in Iraq, ha portato solo a pochi miglioramenti. Proviamo a vedere con questo video di ‘Business Insider’ come e quali sono le forze in campo in Afghanistan in questo momento.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->