domenica, Settembre 26

Afghanistan: perché le forze afghane hanno deposto le armi tanto rapidamente? Accordi Gli 'accordi', una fitta rete di relazioni e accordi negoziati tra forze opposte, che l'intelligence USA non ha capito o ha scelto di ignorare, è alla base della 'sorpresa' per la fulminea vittoria dei talebani

0

In queste ore negli Stati Uniti infuria la polemica. La guerra perduta in Afghanistan, un’avventura finita male in una caotica ritirata degli Stati Uniti, nell’opinione pubblica probabilmente non è paragonabile allo shock del Vietnam, ma certamente è uno schiaffo in pieno viso all”America è tornata’ del Presidente Joe Biden e agli americani che ci avevano creduto.

Si cercano le responsabilità, gli errori e le motivazioni alla base dei mastodontici errori. Si cerca di capire come è potuto accadere e quello che c’è dietro. Si cerca di quantificare il danno sulla scena internazionale, il cosa comporterà per il futuro dell’America.

In questo percorso molti sono gli interventi meritevoli di essere letti. Tra questi i più interessanti sono quelli di coloro che l’Afghanistan lo hanno vissuto in prima persona.

Qui di seguito proponiamo la traduzione di uno di questi interventi, quello di Anatol Lieven, senior fellow presso il Quincy Institute for Responsible Statecraft e autore di ‘Pakistan: A Hard Country‘, che dal 1985 al 1998 ha lavorato come giornalista nell’Asia meridionale, nell’ex Unione Sovietica e nell’Europa orientale e ha seguito le guerre in Afghanistan, Cecenia e Caucaso meridionale.. L’intervento (‘Why Afghan Forces So Quickly Laid Down Their Arms‘) è stato ospitato da ‘Politico‘.

***

«Nell’inverno del 1989, come giornalista del ‘Times‘ di Londra, ho accompagnato un gruppo di combattenti mujahedeen nella provincia afgana di Ghazni. Ad un certo punto, dall’altra parte di una valle, divenne visibile una postazione militare fortificata. Man mano che ci avvicinavamo, divenne visibile anche la bandiera che sventolava sopra di essa, la bandiera dello Stato comunista afghano, che i mujahidin stavano combattendo per rovesciare.
Non è una postazione governativa?“, ho chiesto al mio interprete. ““, ha risposto. “Non possono vederci?” Ho chiesto. ““, ha risposto. “Non dovremmo nasconderci?” ho squittito. “No, no, non preoccuparti”, rispose rassicurante, “Abbiamo un accordo“.

Mi sono ricordato di questo episodio tre anni dopo, quando lo Stato comunista alla fine cadde in mano ai mujahidin; sei anni dopo, quando i talebani invasero gran parte dell’Afghanistan; e ancora questa settimana, mentre il Paese crolla di fronte a un altro assalto dei talebani. Taliaccordi‘ -in cui le fazioni opposte si impegnano a non combattere, o addirittura a scambiare soldati in cambio di un passaggio sicuro- sono fondamentali per capire perché l’esercito afghano oggi è crollato così rapidamente (e, per la maggior parte, senza violenza). Lo stesso era vero quando lo Stato comunista è crollato nel 1992, e la pratica è persistita in molti luoghi mentre i talebani avanzavano negli anni ’90.

Questa fitta rete di relazioni e accordi negoziati tra forze opposte è spesso opaca per gli estranei. Negli ultimi 20 anni, i servizi militari e di intelligence degli Stati Uniti in genere non hanno capito o hanno scelto di ignorare questa dinamica mentre cercavano di dipingere un quadro ottimista degli sforzi americani per costruire un esercito afghano forte e leale. Da qui l’aspettativa dell’Amministrazione Biden che ci sarebbe stato quello che durante la guerra del Vietnam è stato chiamato un ‘intervallo decente’ tra la partenza degli Stati Uniti e il crollo dello Stato.

Mentre i prossimi mesi e anni riveleranno ciò che il governo degli Stati Uniti sapeva e cosa non sapeva sullo stato delle forze di sicurezza afghane prima del ritiro degli Stati Uniti, la velocità del crollo era prevedibile. Il fatto che il governo degli Stati Uniti non potesse prevedereo, forse, rifiutarsi di ammettereche le forze afghane assediate avrebbero continuato la pratica di vecchia data di concludere accordi con i talebani illustra esattamente la stessa ingenuità con cui l’America ha perseguito la guerra in Afghanistan per anni.

La caratteristica centrale delle ultime settimane in Afghanistan non è stata la lotta. Sono stati i negoziati tra i talebani e le forze afgane, a volte mediati da anziani locali. Domenica, il ‘Washington Post‘ ha riportato «una serie mozzafiato di rese negoziate da parte delle forze governative» che sono il risultato di più di un anno di accordi tra i talebani e i leader rurali.

In Afghanistan, i legami di parentela e tribali spesso hanno la precedenza sulle lealtà politiche formali, o almeno creano spazi neutrali in cui le persone di fazioni opposte possono incontrarsi e parlare. Nel corso degli anni, ho parlato con i leader tribali della regione di confine tra Afghanistan e Pakistan che hanno regolarmente presieduto a riunioni di notabili tribali, compresi comandanti di fazioni opposte.
Una delle cose chiave discusse in questi incontri è il business, e il business molto spesso riguarda l’eroina. Quando ero in viaggio in Afghanistan alla fine degli anni ’80, era un segreto di Pulcinella che i gruppi di mujahedeen locali e le unità governative avessero accordi per condividere il traffico locale di eroina. A detta di tutti, lo stesso è avvenuto tra i talebani e le forze governative dal 2001.

Il potere della parentela ha portato a un accordo comune in base al quale le famiglie allargate si sono protette inviando un figlio a combattere con l’esercito o la polizia del governo (a pagamento) e un altro figlio a combattere con i talebani. Questa è stata una strategia in molte guerre civili, ad esempio tra le famiglie nobili inglesi nelle Guerre delle due rose del XV secolo. Significa che a un certo punto uno dei figli può disertare e tornare a casa senza temere persecuzioni da parte della parte vincitrice.
Queste disposizioni servono anche a scopi pratici. Spesso non è possibile per le forze della guerriglia trattenere un numero significativo di prigionieri di guerra. Un piccolo numero potrebbe essere tenuto in ostaggio per un riscatto, ma la maggior parte dei soldati ordinari viene lasciata andare, arruolata nelle file dei guerriglieri o uccisa.
Così, come nell’Europa medievale, l’Afghanistan ha una tradizione alla quale i talebani hanno aderito da vicino e che aiuta a spiegare la velocità del loro successo. I talebani convocheranno una guarnigione nemica per arrendersi, subito o dopo i primi assalti. Se lo fa, gli uomini possono unirsi agli assedianti o tornare a casa con le loro armi personali. Ucciderli sarebbe considerato vergognoso. D’altra parte, una guarnigione che l’ha combattuta non poteva aspettarsi quartiere, un incentivo molto forte ad arrendersi in tempo utile.

Così, come nell’Europa medievale, l’Afghanistan ha una tradizione alla quale i talebani hanno aderito da vicino e che aiuta a spiegare la velocità del loro successo. I talebani convocheranno una guarnigione nemica per arrendersi, subito o dopo i primi assalti. Se lo fa, gli uomini possono unirsi agli assedianti o tornare a casa con le loro armi personali. Ucciderli sarebbe considerato vergognoso. D’altra parte, una guarnigione che l’ha combattuta non poteva aspettarsi quartiere, un incentivo molto forte ad arrendersi in tempo utile.

Lo Stato afghano sostenuto dai sovietici è sopravvissuto per tre anni dopo il ritiro sovietico, e di fatto è sopravvissuto alla stessa URSS -un commento significativo sulla relativa decrepitezza dello ‘Stato’ che gli Stati Uniti e i suoi partner hanno tentato di creare dal 2001. Durante i miei viaggi con i mujaheddin, ero presente a una dura battaglia a Jalalabad nel marzo 1989, subito dopo il ritiro sovietico, quando le forze governative afghane respinsero un massiccio assalto di mujaheddin.
Ma dopo il crollo dell’URSS e la fine degli aiuti sovietici nel dicembre 1991, ci furono pochissimi combattimenti. I comandanti del governo, a cominciare dal generale Abdul Rashid Dostum (che dal 2001 è dalla parte americana, a dimostrazione della fluidità delle alleanze afghane), hanno portato i loro uomini dai mujahidin, sono fuggiti o sono tornati a casa -e gli è stato permesso di farlo da i vincitori. Kabul è stata catturata intatta dai mujahedeen nel 1992, come ora viene catturata dai talebani. Alla fine degli anni ’90, mentre in alcune zone i talebani hanno affrontato una forte resistenza, altrove anche le guarnigioni nemiche si sono arrese senza combattere e in molti casi si sono unite ai talebani.

Gli accordi tra le forze afghane e talebane durante la guerra degli Stati Uniti sono stati dettagliati in opere come ‘War Comes to Garmser‘ di Carter Malkasian e ‘An Intimate War‘ del soldato britannico Mike Martin. Un rapportodell’Afghanistan Analysts Network descrive un tale accordo nella provincia di Pakhtia nel 2018: «Haji Ali Baz, un anziano tribale locale, ha detto ad AAN che era stato concordato che la presenza del governo sarebbe stata limitata al centro del distretto e che nessuna delle due parti si sarebbe avventurata nelle aree controllate dall’altra. Questo accordo ha portato allo smantellamento di tutti i posti di sicurezza del governo al di fuori del centro del distretto. Nelle parole di Haji Ali Baz, questo ha portato alla fine dei combattimenti, che avevano ‘causato molti problemi alla gente’».
Più di recente, come descritto nel ‘
Washington Post Sunday‘, dopo che l’Amministrazione Biden ha dichiarato, ad aprile, che le forze statunitensi si stavano ritirando, «le capitolazioni hanno iniziato a crescere a valanga».

La società afghana mi è stata descritta come una ‘conversazione permanente‘. Le alleanze cambiano, e le persone, le famiglie e le tribù fanno calcoli razionali in base al rischio che corrono. Questo non vuol dire che gli afgani che hanno preso tali decisioni siano da biasimare per aver fatto ciò che sentivano nel loro interesse. Il punto è che i comandanti e i funzionari americani o non sono riusciti a comprendere questi aspetti della realtà afghana o non li hanno denunciati onestamente alle amministrazioni statunitensi, al Congresso e al pubblico in generale.

Possiamo tracciare una linea chiara tra questa mancanza di comprensione e l’orribile grado di sorpresa per gli eventi degli ultimi giorni. L’America non ha previsto questo crollo improvviso, ma avrebbe potuto e dovuto farlo -una conclusione sfortunatamente adatta a uno sforzo bellico che è stato minato dall’inizio dall’incapacità di studiare le realtà afghane».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->