martedì, Settembre 28

Afghanistan: l’occupazione incosciente Aprire scuole, far togliere il burka, diffondere sistemi culturali e politici, comunicare una 'democrazia', contribuire a creare o creare tout court istituzioni politiche e amministrative, è un illecito internazionale gravissimo: violazione del principio di autodeterminazione dei popoli

0

Colpisce, colpisce molto, per tornare sull’Afghanistan (dopo aver visto la nostra funzione e le nostre responsabilità, e dopo aver concluso che, dopo il 15 agosto 2021, la nostra politica estera è tutta da rifare), un articolo di Michele Valensise quando dice: «Oggi qualcuno, forse non ricordando bene che cosa era l’Afghanistan da cui venti anni fa partì l’attacco contro le Torri gemelle, quando fummo tutti americani, denuncia laguerra d’occupazionedegli occidentali. Ma davvero l’impegno di chi ha lavorato, forse male, forse poco, ma sicuramente con l’idea di stabilizzare, non di colonizzare, può considerarsi un atto dioccupazione? Chi ha aperto scuole, ospedali, strade, chi in questi anni ha liberato energie vitali e contribuito a dare dignità almeno a una parte del Paese può veramente essere bollato comeoccupante‘? Chiediamolo agli afghani che stanno scappando in massa, anche cercando di aggrapparsi agli aerei, e con cui dobbiamo essere solidali».
Colpisce, dico, e sorprende anche se si spiega perfettamente nelnormaleatteggiamento e modi di pensare, nella cultura insomma, di gran parte della nostra diplomazia, ma anche, di gran parte della nostra stampa e forse del nostro popolo.

Premesso che se l’attacco alle torri gemelle (solo quello conta?) sia stato o meno originato dall’Afghanistan è ancora tutto da dimostrare, certo è, invece, che il governo afghano di allora tollerava, proteggeva, riforniva, insomma era perfettamente conscio della presenza di Al Qaeda sul territorio e anche di Bin Laden, addestrato e istruito (lo ricordiamo?) dalla CIA. Basta questo, inutile commentare.
Ma dire (e non è né sarà il solo a dirlo, perciò ne accenno) che non si sia trattato, fino agli ultimi giorni, di un governo di occupazione, creato e voluto dagli americani, senza nemmeno prendere in considerazione glialleati‘, cui veniva richiesto (a noi innanzitutto, che poi ci siamo rimasti incastrati) una presenza armata, magari anche guardata con un po’ di sufficienza, dire ciò è fuori dalla realtà. Se non si trattasse di un noto ex-ambasciatore, direi che quella frase è propaganda pura. Siamo -sì, siamo perché anche noi c’eravamo- siamo stati lì per portare a scuola le donne, per fare loro togliere il Burka?

Suvvia, siamo seri. Forse tra gli italiani lì, questa idea circolava pure, ma era certamente l’ultimo dei pensieri sia dei governanti americani, che di quelli italiani, che hanno pochi mesi orsono rinnovato la nostra presenza … se non sbaglio ad opera di Giuseppi.
Si è trattato di occupazione, anzi, peggio, di una quasidebellatio‘ (sconfitta radicale), che nel diritto internazionale implica la scomparsa dello Stato precedente, e quindi la completa libertà di azione di chi possa agire su quei territori, ma specialmente su quei popoli.
I governi americano e italiano (anche se poco consciamente: lo ripeterò sempre, a costo di essere noioso, perché è un fatto gravissimo) si sono comportati come se l’Afghanistan non esistesse più, e quindi ne derivasse la possibilità di creare uno Stato ex novo, o anche due, tre Stati nuovi. Ma non era così e ne erano gli occupanti, noi inclusi (magari poco consciamente), tanto convinti che si consideravano in guerra, che riconoscevano che una parte del territorio sfuggiva al loro/nostro controllo, e che si trattava di impedire attacchi e attentati. Le tipiche cose che si fanno a seguito e durante una occupazione militare in senso stretto.

Ma si sono fatti ospedali e scuole e si è fatto togliere il Burka … su parte del territorio. Sì, certo e allora? Tecnicamente parlando, visto che di occupazione militare si trattava (per di più illecita e noi, benché inconsciamente, lo sapevamo benissimo), aprire scuole, togliere burka, diffondere sistemi culturali e politici, comunicare unademocrazia‘, contribuire a creare o creare tout court istituzioni politiche e amministrative, è un illecito internazionale gravissimo. Lo dicono chiaro e tondo le Convenzioni e i Protocolli di Ginevra, le norme delle Convenzioni dell’Aja, tutta la prassi internazionale nota … salvo quella americana e, purtroppo benché inconsciamente, quella italiana.
Abbiamo tolto i Burka? Come siamo bravi!  Eh no, abbiamo imposto di togliere i Burka, abbiamo imposto di andare a scuola, eccetera. Lo abbiamo fatto in plateale violazione di uno dei principi più importanti del diritto internazionale moderno: il principio di autodeterminazione dei popoli. Non si può imporre la minigonna sulla punta delle baionette, ma poi non si può fuggire a gambe levate davanti alle baionette di chi vuole imporre il Burka!
In realtà, non sta -leggete bene e ricordate bene- non sta agli americani, non sta ai britannici, non sta agli italiani (benché inconsciamente) non sta a nessunodecideresu ciò: sta solo al popolo afghano. Decidere la ‘civilizzazione’ dei costumi, decidere ‘il modo di vestire’, decidere quali ‘scuole e con quali programmi’ aprire, non spetta all’occupante, ma al popolo afghano. Se lo decidono gli americani e, benché inconsciamente, gli italiani, non si tratta di civilizzazione, ma di colonialismo, di colonialismo deteriore. Il peggiore della specie, perché è quello che dice ‘io ti distruggo, distruggo la tua cultura per il tuo bene’. Lo dicevano Goffredo di Buglione e re Riccardo di Inghilterra, ecc., quando andavano a massacrare (e a venirne massacrati) i mussulmani occupanti il sacro luogo della nascita di Cristo … in realtà a gestire i commerci verso e dall’Oriente. Non è un caso che i ‘fondamentalisti’ islamici (non più fondamentalisti di Goffredo e Riccardo) chiamino gli occidentali ‘Crociati’.
Duole dirlo, lo scrivo con lo stomaco contratto, ma purtroppo ciò che è stato fatto a questi popoli, dal Vietnam all’India, al Sud Africa alla Namibia, alla Palestina, al Sudan, ecc…, è stato appunto di imporre lanostra‘ (gli italiani inconsciamente) ‘civiltà‘ a loro.

Se uno poi pensa che lanostra civiltàè fare affogare i migranti in mare, respingerli alle frontiere, visto che non possiamo più avere la vergognosa ‘bella abissina’ (gli italiani inconsciamente, gli altri no) e, quando tutto manca bombardarli un po’ e rimpatriarli di fatto contro la loro volontà e in violazione plateale (eh, signora Lamorgese, eh prof. Draghi … benché inconsciamente?) dei trattati da noi sottoscritti sui diritti dell’uomo, beh, di questa civiltà dovremmo tutti (almeno chi ne abbia coscienza) vergognarci e basta.
Che vergogna, che tristezza, sentire qualche politicante da strapazzo, ‘scoprire’ oggi (ma solo oggi) che la democrazia non si esporta con la guerra: quando lo diceva qualche piazza sgomberata dalla Polizia, erano rumorosi sovversivi, oggi lo scoprono anche i politicanti, ignoranti ma sempre pretenziosi. E non parlo per evitare la nausea, della ‘generosa’, ma solo volgare e opportunista e solo verbale ‘adesso accogliamoli tutti’ … che generosità!

Direte: ‘e i talebani che portano di civiltà?‘ ‘bisognava lasciarli fare?No. I talebani hanno solo imparato da noi come si fa: impongono con la forza i loro costumi come noi (gli italiani inconsciamente) abbiamo imposto i nostri.
Non sto suggerendo di assistere impotenti al massacro dei diritti dell’uomo che verosimilmente accadrà in Afghanistan. Il contrario esatto. Dico solo che il metodo è di fare valere dialetticamente i nostri valori (quelli degli italiani inconsciamente), in un confronto paritario e leale con gli altri. Certo, dopo una guerra, con i fucili ancora fumanti in mano, presentarsi come ‘predicatori’ farebbe un po’ di impressione. L’alternativa è l’aggressione e l’indifferenza, come gli americani insomma: che prima creano il problema e poi se ne vanno (beh, nel caso, fuggono) lasciando la patata bollente magari alle nostre, inconsce, mani.

Ho ripetuto alla nausea l’avverbio e l’aggettivo ‘inconsciamente‘ e ‘inconscio‘.
Ma non per ‘offendere’ i nostri politici, che invero detengono la palma d’oro in materia, una palma d’oro inconscia su ‘un’anima’ coriacea, ma per invitare, chiedere, proporre che di questi temi si dibatta sul serio in questo disgraziato Paese (sì, innanzitutto in questo!) per prendere, finalmente con un po’ di conoscenza e quindi di coscienza, le nostre decisioni in merito, ivi compresa la scelta e l’intensità delle nostre alleanze. Non può -su questo non ho dubbi- non può Mario Draghi da solo farlo: deve dirci, invece, e consultarci sul cosa e come fare. Anche perché le conseguenze del disastro afghano, cominceremo a pagarle tra poche settimane e conviene essere preparati.

Ma ‘inconsci’ come non mai i nostri politicanti, vergognosi e vergognandosi forse qualcuno (ne dubito): avete visto gli sgomitamenti tipo quelli tra Giggino e Giuseppi, avete visto Lorenzo Guerini col cappellino in testa, avete sentito o visto politicanti salutare quei disperati che arrivavano stravolti da una vita distrutta, per fortuna aiutati e salvati dai pochi soliti ‘culi di pietra’ che fanno tutto il lavoro e non prendono merito alcuno? Erano tutti occupati al mare o in montagna, Sergio Mattarella era stanco dalla contemplazione pensosa delle devastazioni della mafia, mai doma … ma perché qualcuno vuole domarla?; anche Draghi era assente, in campagna anche lui. Forse tutti tra una pastarella e un Mojto, intenti a chiedersi come e quando tornare a scodinzolare felici intorno ai forti americani, ai ricchi americani, ai cinici americani, ai traditori, ahimè, non solo americani.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Giancarlo Guarino, ordinario, fuori ruolo, di diritto internazionale nell’Università degli Studi di Napoli Federico II, è autore di numerose pubblicazioni su diverse tematiche chiave del diritto internazionale contemporaneo (autodeterminazione, terrorismo, diritti umani, ecc.) indagate partendo dal presupposto che l’Ordinamento internazionale sia un sistema normativo complesso e non una mera sovrastruttura di regimi giuridici gli uni scollegati dagli altri.

End Comment -->