martedì, Maggio 11

Afghanistan libero? Macchè, i talebani sono sul 70% del territorio La rivelazione choc è stata fatta dalla 'Bbc', in base ad uno studio condotto tra agosto e novembre del 2017 in ogni parte del Paese

0

I talebani hanno una presenza costante nel 70% dell’Afghanistan. La rivelazione choc è stata fatta dalla ‘Bbc‘, in base ad uno studio condotto tra agosto e novembre del 2017 in ogni parte del Paese. Il rapporto arriva quasi 17 anni dopo l’invasione dell’Afghanistan da parte della coalizione militare guidata dagli Stati Uniti, a seguito degli attentati dell’11 settembre 2001.

Secondo lo studio della rete britannica, i talebani sono diventati più forti dopo il ritiro militare degli Stati Uniti, e avrebbero ora una forza che non si vedeva da oltre dieci anni. Più della metà della popolazione afghana risiede in aree che sono per lo più controllate dai talebani o dove le forze talebane sono apertamente e regolarmente attive.

In particolare i talebani hanno il controllo completo di 14 distretti afghani, che rappresentano il 4% del territorio del Paese. Ma mantengono una presenza armata aperta in altri 263 distretti, che rappresentano un ulteriore 66% del territorio nazionale. Le statistiche pubblicate nello studio mostrano inoltre che i talebani sono riusciti a creare roccaforti ben oltre le tradizionali roccaforti del Sud-Est del Paese e sono ora attivi in gran parte dell’Afghanistan centrale, occidentale e persino al Nord, fino a qualche anno fa libero dalla loro presenza.

La ‘Bbc‘ ha riferito che il governo afghano ha respinto i risultati dello studio, sostenendo che le sue forze hanno il controllo della maggior parte delle aree del Paese.

(video tratto dal canale Youtube della Bbc)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->