Afghanistan: l’intransigenza talebana, la fame, il ‘grande gioco’ delle potenze regionali Il governo di Kabul sempre più sotto pressione da parte della base talebana più intransigente, mentre la competizione tra le grandi potenze e tra le potenze regionali si è intensificata dopo l'invasione russa dell'Ucraina, e la crisi economica è peggiorata ulteriormente

Dal 30 al 31 marzo, la Cina ospiterà una riunione dei Ministri degli Esteri dei Paesi confinanti con l’Afghanistan. Sarà il terzo dialogo di questo tipo tra Cina, Iran, Pakistan, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan, da quando i talebani hanno conquistato l’Afghanistan lo scorso agosto. Scopo dichiarato dell’incontro è discutere degli sconvolgimenti economici e umanitari nel Paese. Il vero obiettivo, secondo gli osservatori locali, sarebbe quello di provare a conferire maggiore legittimità ai talebani afgani.
Scorsa settimana, il 24 marzo, il Ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha fatto una tappa a sorpresa nella capitale dell’Afghanistan per incontrare il Ministro degli Esteri ad interim dell’Afghanistan Amir Khan Muttaqi. Incontro probabilmente funzionale proprio alla preparazione di questa riunione di fine mese. Secondo l’agenzia di stampa ufficiale ‘Bakhtar‘, al centro dei colloqui, varie questioni, tra cui l’estensione delle relazioni politiche, la cooperazione economica e di transito.
I talebani, che hanno preso il potere nell’agosto 2021, stanno cercando il riconoscimento internazionale, anche usando la catastrofe umanitaria quale pretesto, nel tentativo di far ripartire l’economia, bloccata dalle sanzioni internazionali e dalla sospensione degli aiuti finanziari e altri aiuti umanitari.
La maggior parte dei beni della banca centrale afgana sono stati congelati negli Stati Uniti. Queste restrizioni hanno spinto l’economia afgana sull’orlo del collasso. Nessun Paese, compreso il suo principale sostenitore, il Pakistan, ha riconosciuto il regime talebano come governo legittimo dell’Afghanistan. Nè la Cina ha mostrato alcuna inclinazione a riconoscere il governo talebano, pur evitando di criticare i nuovi governanti nonostante le loro regole repressive rivolte in particolare alle donne, alle quali viene negato il diritto al lavoro e il pieno accesso all’istruzione, e comunque ha tenuto aperta la sua ambasciata a Kabul e ha offerto un’assistenza di emergenza, per quanto limitata.

«I talebani stanno rafforzando il loro controllo in mezzo a notizie crescenti di detenzioni, stupri ed esecuzioni sommarie di minoranze, difensori dei diritti, donne e persone associate al vecchio governo o alla nuova resistenza», afferma Lynne O’Donnell, editorialista di ‘Foreign Policy‘ e, dal 2009 al 2017, a capo dell’ufficio dell’Afghanistan di ‘Agence France-Presse‘ e ‘Associated Press‘.

«Nelle settimane successive all’invasione russa dell’Ucraina del 24 febbraio, i talebani hanno esteso i divieti a molte parti di quella che un tempo era la vita normale prima di conquistare il Paese la scorsa estate. La repressione dei media,dell’intrattenimento e delle festività tradizionali è stata estesa mentre i talebani fanno rivivere vecchie pratiche, come il rapimento di stranieri per fare leva politica».
«Dopo l’acquisizione del potere dei talebani, un numero incalcolabile di persone è stato detenuto e torturato per intimidire gli altri fino al silenzio. I più vulnerabili sono le minoranze nazionali come gli Hazara, che sono sciiti e considerati apostati dai talebani sunniti, che sono per lo più pashtun. Fonti in Afghanistan hanno detto che i rapiti sono detenuti in prigioni segrete in tutto il Paese», prosegue Lynne O’Donnell.
Il 23 marzo, i talebani hanno inaspettatamente annullato i piani per riaprire le scuole in Afghanistan alle ragazze sopra la prima media, rinnegando le loro promesse e in una mossa apparentemente intesa a placare la loro base intransigente a scapito di un’ulteriore alienazione della comunità internazionale. La comunità internazionale, infatti, è infuriata per la promessa mancata degli ex ribelli di riaprire le scuole alle ragazze oltre la prima media. La comunità internazionale fin dal loro insediamento aveva esortato i talebani ad aprire il governo alle minoranze etniche e alle donne.

Wang è uno dei visitatori di più alto livello in Afghanistan dall’acquisizione del potere dei talebani.
La Cina ha interessi economici e minerari in Afghanistan e Pechino vuole impegni precisi da parte dei talebani per impedire ai militanti uiguri di avviare operazioni in Afghanistan.
La Cina ha interesse per un Afghanistan stabile,poiché il Paese è stato utilizzato come base per gli attacchi dei ribelli contro cittadini cinesi nel vicino Pakistan. Gli interessi economici della Cina in Afghanistan ruotano attorno a investimenti significativi nel settore minerario: la miniera di rame Mes Aynak e il contratto di estrazione di petrolio nelle province settentrionali di Farvab e Sar-e-Pol, in primo luogo.
Pechino ha investito miliardi di dollari nel China-Pakistan Economic Corridor (CPEC), un progetto di transito e commercio che collega il porto di Gwadar, nel Mar Arabico, in Pakistan, con la Cina nel nord-ovest. Il Pakistan si è lamentato del fatto che gruppi militanti -compresi quelli che prendono di mira i progetti del CPEC-
stanno trovando rifugio in Afghanistan, dove la leadership talebana è riluttante a rivoltarsi contro gli ex alleati.
Mentre i giornalisti
devono lavorare entro limiti rigorosi, vengono detenuti, picchiati, quando non uccisi, le reti televisive non autorizzate a trasmettere programmi stranieri, né programmi di musica e ballo, «una fonte di alto rango della sicurezza afgana, che ha parlato in condizione di anonimato, ha affermato che la Cina sta aiutando i talebani a costruire una stazione televisiva», riporta Lynne O’Donnell. La quale riferisce anche che «dipendenti di Tolo TV, che ha fatto concessioni ai talebani per rimanere in attività, sono stati arrestati dopo aver denunciato la censura».

Vinay Kaura, docente presso il Dipartimento per gli affari internazionali e gli studi sulla sicurezza, Sardar Patel University of Police, Security and Criminal Justice, Rajasthan, in India, e vicedirettore del Centro universitario per la pace e gli studi sui conflitti, afferma: «I talebani devono ancora rendersi conto che la storia di caos politico dell’Afghanistan provoca paura negli altri, il che alimenta il dilemma della sicurezza e mina la sicurezza regionale». La comunità internazionale vuole che i talebani riformino il loro stile di governo, diano rappresentanza a tutte le etnie afghane e rispettino i diritti delle donne all’istruzione e al lavoro. «Tuttavia, né la Cina né il Pakistan hanno lasciato che tali preoccupazioni ostacolassero i loro forti legami con i talebani afgani».
«Il continuo impegno economico e politico con un Afghanistan governato dai talebani e la pacificazione dei talebani afgani a scapito del suo popolo ha definito la risposta di alcuni Paesi, inclusa la Cina», afferma Vinay Kaura. «I cinesi hanno molti interessi economici, politici e di sicurezza in Afghanistan. Sul fronte della sicurezza, Pechino deve far fronte alle minacce di alcuni gruppi che ha bollato come organizzazioni terroristiche, che si ritiene operino dal territorio afghano. Le minacce alla sicurezza colpiscono gli interessi economici della Cina in Pakistan e in Asia centrale».


La persistente incertezza politica e il mancato riconoscimento del regime talebano hanno reso le cose difficili per la Cina e per il suo percorso economico. Per garantire i suoi interessi multidimensionali, la Cina ha bisogno di un Afghanistan stabile. Ecco perché, ancora prima dell’uscita degli Stati Uniti, la Cina aveva iniziato a intensificare il suo impegno con i talebani. Il Ministro degli Esteri Wang Yi aveva ospitato una delegazione talebana guidata dal mullah Abdul Ghani Baradar nel luglio dello scorso anno.
Ma, prosegue Kaura, «garantire stabilità e ordine in Afghanistan è sempre stato impegnativo. Nessun intervento esterno è stato in grado di raggiungere questo obiettivo. L’etnia dominante dell’Afghanistan –i pashtunha sfidato qualsiasi forma di autorità imposta, anche se ha significato un caos continuo. E la maggioranza dei non pashtun non è d’accordo con la politica e le proposte dei talebani dominati dai pashtun.
Ora la competizione tra le grandi potenze si è intensificata dopo l’invasione russa dell’Ucraina».

I problemi economici dell’Afghanistan, già catastrofici prima che la Russia iniziasse la guerra in Ucraina, sono ora peggiorati. Fame e povertà perseguitano la popolazione. La perdita delle tanto necessarie importazioni di grano ucraino e russo, nonché il minor numero di esportazioni di fertilizzanti russi necessari per l’agricoltura, stanno facendo aumentare i prezzi dei generi alimentari. Spiega Lynne O’Donnell «Il Programma alimentare mondiale (WFP) acquista fino al 70% del suo grano per la distribuzione in Paesi come l’Afghanistan dalla Russia e dall’Ucraina. Iraccolti scarsi dell’anno scorso in alcuni Paesi produttori avevano già fatto aumentare i prezzi di circa il 30%. Human Rights Watch ha affermato che da gennaio circa 13.000 bambini sono morti di malnutrizione e malattie legate alla fame, anche se le agenzie delle Nazioni Unite come il WFP hanno affermato che stanno distribuendo cibo». E il prezzo del pane a Kabul è raddoppiato per l’ennesima volta negli ultimi mesi.

«La Cina ha spesso descritto il fallimento americano nella stabilizzazione dell’Afghanistan come una debacle del paradigma di governo occidentale. Oltre agli interessi economici e di sicurezza, uno dei principali obiettivi cinesi è quello di imporre il proprio modello di governance all’Afghanistan. Se Pechino ottiene un minimo di successo nel mantenere stabile l’Afghanistan e aiuta i talebani a gestire i loro problemi economici, sarà un’enorme vittoria propagandistica per i governanti comunisti della Cina», afferma Vinay Kaura.
«La battaglia per l’Afghanistan, in cui geopolitica e democrazia continuano a fondersi, ha una portata sia regionale che globale.
Sul fronte globale, la questione afgana è legata al più ampio enigma se il mondo diventerà bipolare o rimarrà multipolare. La Cina ha molti alleati, il più importante dei quali è la Russia. Ma la Russia di Putin ha dimostrato un’abilità incessante nel creare problemi e nel fare amicizia tra i regimi emarginati. Dopo la mossa ucraina, Mosca ha pochissimi alleati. Mantenere la sua sfera di influenza in diminuzione in Afghanistan sarà costoso, e ampliarla sarà ancora più costoso.
L’influenza della Cina è considerevole, basata su incentivi materiali tangibili, piuttosto che su valori universali. Ma mentre l’egemonia americana continua a declinare, è probabile che l’attrattiva del modello democratico duri nonostante le sue attuali prove. Gli afgani non fanno eccezione, avendo sperimentato alcuni notevoli esperimenti di creazione di istituzioni democratiche negli ultimi due decenni, per quanto intermittenti e imperfetti possano essere stati. Tali afgani si aspetterebbero che l’Occidente li aiutasse a resistere agli impulsi autocratici del regime talebano e a ridimensionare le perniciose conseguenze delle loro politiche arbitrarie e discriminatorie. Retorica a parte, Pechino non ha alcun reale interesse a promuovere tali pratiche che rafforzano lo stato di diritto».

E poi ci sono gli altri attori regionali. «Le percezioni pachistane dell’India sono prevalentemente negative, sottolineando la sua presunta ostilità e minacciando il potere militare. Ciò definisce in gran parte l’atteggiamento del Pakistan nei confronti delle relazioni dell’India con l’Afghanistan», prosegue nella sua analisi Vinay Kaura. «Islamabad sembra scommettere che tutti i governanti afgani, compresi i talebani, sono incapaci di governare e che tutte le potenze esterne perderanno interesse prima del Pakistan. Si potrebbe pensare che l’establishment della sicurezza pakistano abbia prevalso: installando i talebani a Kabul, ha stabilito che i desideri di Islamabad daranno forma a ciò che accadrà in Afghanistan. Ma il Pakistan e l’Afghanistan spesso cadono in una situazione di stallo politico a causa del loro sostegno di lunga data alla disputa sul confine e contestare il sostegno a diversi gruppi terroristici. Ci sono ampi motivi di risentimento e munizioni per quegli afgani che vogliono rivendicare il ridisegno della linea Durand.Islamabad si aspetta che Pechino funga da mediatore attraverso un meccanismo di dialogo trilaterale che coinvolga Afghanistan, Pakistan e Cina». «La politica dell’India è di aspettare che i talebani si riformino e che il popolo afgano richieda un regime democratico. La volontà di New Delhi di inviare grano, vaccini Covid e forniture mediche ai cittadini afgani sottolinea chiaramente la sua preferenza per la narrativa definita dall’Occidente di separare i regimi autocratici dalla gente comune mentre eroga aiuti». E’ quella che gli osservatori indiani definiscono come ‘diplomazia del grano’. La quale offre a New Delhi l’opportunità di stabilire comunicazioni dirette con il regime talebano. L’assistenza dell’India le offre all’Afghanistan una opportunità diplomatica, per quanto le preoccupazioni indiane per la sicurezza, derivanti dalla vicinanza dei talebani al Pakistan e ai gruppi terroristici ivi stabiliti, potrebbero continuare a limitare i suoi sforzi. Con le crescenti tensioni nelle relazioni talebane-pakistane e i talebani che cercano disperatamente aiuto dalle potenze regionali, l’impegno più ampio dell’India potrebbe creare uno spazio funzionale agli interessi dell’Afghanistan, nonché a quelli della stessa India in Afghanistan.