sabato, Settembre 25

Afghanistan: Deobandi Islam, l’ideologia religiosa dei talebani nasce nell’India coloniale Nell’India settentrionale, nell’Uttar Pradesh verso la fine del XIX secolo, venne istituita la prima scuola Islamica per educare i giovani musulmani

0

In seguito alla rapida presa del potere da parte dei talebani in quello che descrive come un ristabilito ‘Emirato islamico dell’Afghanistan’, i timori di un certo tipo di ideologia islamista hanno portato un gran numero di afgani a fuggire, o a temere per la propria vita.

I talebani erano noti per il loro governo oppressivo. Hanno governato l’Afghanistan dal 1996 al 2001, a quel punto sono stati cacciati dal potere dalle truppe statunitensi e britanniche. Sotto il dominio dei talebani, le minoranze religiose e altri musulmani che non condividevano la loro concezione fondamentalista dell’Islam non erano tollerate. I talebani hanno anche severamente limitato i diritti delle donne e delle ragazze.

Secondo  radici di questa ideologia – Deobandi Islam – possono essere fatte risalire all’India coloniale del XIX secolo: «L ‘Islam Deobandi è emerso in India nel 1867, 10 anni dopo una grande rivolta nazionalista indiana contro il dominio della British East India Company. Due religiosi musulmani, Maulana Muhammad Qasim Nanautawi e Maulana Rashid Muhammad Gangohi, erano dietro l’istituzione della scuola Deobandi. Il loro scopo era quello di indottrinare la gioventù musulmana con una visione austera, rigida e incontaminata dell’Islam. Nel suo cuore, Deobandi Islam era un movimento anticoloniale progettato per rivitalizzare l’Islam. Questa scuola di pensiero islamico aveva una concezione molto particolare della fede. Il marchio Deobandi dell’Islam aderisce all’islamismo ortodosso insistendo sul fatto che l’adesione alla legge islamica sunnita, o sharia, è la via della salvezza. Insiste sulla rinascita delle pratiche islamiche che risalgono al settimo secolo, l’epoca del profeta Maometto. Sostiene la nozione di jihad globale come sacro dovere di proteggere i musulmani in tutto il mondo e si oppone a qualsiasi idea non islamica».

Nell’India settentrionale, nell’Uttar Pradesh verso la fine del XIX secolo, venne istituita la prima ‘madrassa’ o scuola Islamica per educare i giovani musulmani, annotano i due esperti, sottolineando che «il sistema scolastico Deobandi si diffuse nei decenni successivi e attirò giovani musulmani in diverse parti del subcontinente indiano. Ad esempio, la tradizione Deobandi è diventata la scuola di pensiero islamico più popolare tra i Pashtun, un gruppo etnico che vive in un’area su entrambi i lati del confine tra Afghanistan e Pakistan. I leader pashtun hanno svolto un ruolo determinante nello stabilire e ampliare il curriculum e la tradizione deobandi nella cintura pashtun attraverso la linea Durand, il confine coloniale che separa l’India britannica dall’Afghanistan».

Dopo che l’India britannica fu divisa nel 1947 tra India e Pakistan, molti eminenti studiosi deobandi emigrarono in Pakistan, creando un gran numero di madrasse e – affermano Rana e Ganguly – «con l’indipendenza dell’India e del Pakistan, la scuola ha posto tutta la sua attenzione sulla formazione degli studenti all’interno di questa tradizione islamica fondamentalista. Negli anni e nei decenni successivi all’indipendenza del Pakistan, le madrasse Deobandi si diffusero in tutto il Pakistan e una delle loro principali cause di attivismo politico divenne il trattamento riservato dall’India ai musulmani nella parte controllata dall’India del Jammu e Kashmir. Secondo una stima, nel 1967 c’erano ben 8.000 scuole Deobandi in tutto il mondo e migliaia di laureati Deobandi principalmente in India, Pakistan, Bangladesh, Afghanistan e Malesia».

I finanziamenti, però, all’inizio erano molto scarsi, almeno fino all’invasione sovietica dell’Afghanistan nel 1979, quando, anche grazie agli USA, vennero dati fondi alla resistenza e alle  madrasse Deobandi, come scrive lo studioso Thomas Hegghammer. A finanziare le madrasse Deobandi, anche i soldi sauditi che le spinsero verso la propria interpretazione dell’Islam – il wahhabismo. A questo punto le madrasse Deobandi si allontanarono dalle loro radici religiose.

«Dopo l’invasione sovietica in Afghanistan nel 1979, milioni di profughi afgani, in diverse ondate, si rifugiarono in Pakistan, specialmente nella sua cintura pashtun. Desideroso di ottenere una presa strategica in Afghanistan, il Pakistan ha attivamente reclutato giovani nei campi profughi, infondendo loro ulteriore zelo religioso per combattere i sovietici», notano i due esperti dell’Indiana University che affermano che «scacciati dalle loro case in Afghanistan, i giovani afghani espropriati hanno prosperato nei campi profughi, in parte a causa dei legami di etnia pashtun. Attirati da un’offensiva a base religiosa contro ciò che consideravano un infedele o un occupante straniero, divennero pronte reclute per la causa antisovietica. Molti dei leader e combattenti chiave dei talebani, incluso il Mullah Omar, il fondatore dell’organizzazione, avevano studiato nei seminari Deobandi sia in Afghanistan che in Pakistan».

«Dopo che i sovietici si ritirarono dall’Afghanistan nel 1989, i combattenti continuarono a godere del sostegno del Pakistan e di attori privati ​​per l’assistenza finanziaria. Quando l’Afghanistan piombò in una guerra civile nel 1992, varie fazioni della resistenza antisovietica si contendevano il potere. Tra loro c’era l’Alleanza del Nord, un gruppo che India e Russia avevano sostenuto ed era sotto la guida di un tagiko di etnia, Ahmed Shah Massoud, che resistette ai talebani e acquisì uno status quasi mitico. E grazie al Pakistan, i talebani sono emersi vittoriosi e hanno preso il potere nel 1996. Una volta al potere, hanno imposto al paese il loro marchio distintivo dell’Islam, molto lontano dalle sue radici religiose nell’India coloniale».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->