domenica, Aprile 11

Afghanistan: aumentano i morti civili. Cambia la strategia Usa L'allarme lanciato attraverso la pubblicazione del report della missione dell'ONU in Afghanistan, l'UNAMA

0

In Afghanistan continuano ad aumentare i morti civili, vittime collaterali, ma spesso obiettivi designati di un conflitto che sta per entrare nel suo diciottesimo anno di guerra. L’allarme lanciato attraverso la pubblicazione del report della missione dell’ONU in Afghanistan, l’UNAMA, accende i riflettori su statistiche che nascondono il dramma di un intero paese.

Nel complesso aumentano i morti civili; un aumento minimo rispetto ai dati dello scorso anno, l’+1% in più (1692 morti e 3430 feriti), ma è la conferma di un trend in progressivo e inarrestabile aumento. Diminuiscono, per contro, le vittime tra le donne e i bambini, ma si tratta di una riduzione quantitativa che parte da cife estremamente elevate.

Aumentano del 22% i morti civili in seguito ad attacchi suicidi e ordigni esplosivi, responsabili di oltre la metà dei decessi, condotti dallo Stato Islamico-Khorasan (franchise afghano dello Stato islamico che fu in Iraq e in Siria) e dai talebani, in un confronto sempre più acceso e orientato ad ottenere il massimo dell’attenzione mediatica attraverso la condotta di azioni spettacolari. Da un lato i talebani, forti di circa 40/50.000 combattenti di cui una componente disposta al dialogo negoziale ma a rischio di frantumazione interna a causa della competizione tra pragmatici e radicali; dall’altra lo Stato Islamico-Khorasan, la cui forza è limitata a poche migliaia di unità, ma in forte crescita sul piano operativo e su quello comunicativo. Nonostante la forte differenza tra i due gruppi la percezione dell’opinione pubblica è che si tratti di due forze equivalenti: così non è.

Aumentano anche le vittime a seguito di bombardamenti aerei delle forze della coalizione, prevalentemente statunitensi, e le forze di sicurezza afghane; un aumento impressionante del +52% che è diretta conseguenza della strategia dell’amministrazione statunitense, avviata l’agosto scorso, incentrata su una forte e maggiormente incisiva azione aerea e di forze speciali. Una strategia che, oltre al numero delle morti collaterali, non ha dato i risultati sperati in termini di indebolimento del fronte insurrezionale (talebani e altri gruppi di opposizione) e di quello terroristico (lo Stato Islamico-Khorasan). Forti di circa 20.000 uomini, comprese le componenti di addestramento della NATO e quelle combat dell’operazione Freedom’s Sentinel, e di altrettanti contractor, gli Stati Uniti presenteranno nei prossimi mesi una revisione della strategia che, intanto, ha già visto il raddoppio delle truppe NATO da parte britannica e la richiesta di un maggiore impegno da parte dei paesi dell’Alleanza Atlantica. In tale quadro si inserisce la propensione italiana a ridimensionare di duecento unità il proprio contingente, oggi forte ci circa 900 uomini; un disimpegno che però troverà concretezza solamente a fronte della disponibilità degli altri partner della missione NATO Resolute Support a compensare la possibile riduzione da parte del governo italiano.

Il presidente Donald Trump e il Pentagono si muovono dunque verso l’ennesima revisione della strategia per l’Afghanistan: l’obiettivo è il disimpegno e l’avvio di una soluzione negoziata che consenta di mantenere le basi strategiche di Washington, indipendentemente dagli sviluppi politici del governo di Kabul guidato da una sempre più debole diarchia Ashraf GhaniAbdullah Abdullah.

In tale quadro, con la consapevolezza di una mancata vittoria nella lunga guerra afghana, Washington pare decisa a trattare ufficialmente con i talebani, e non più solamente sostenendo il dialogo tra le parti (governo afghano e movimento insurrezionale) come sinora fatto sul piano ufficiale e che continuerà parallelamente. La sostanza non cambia, gli americani sono da anni impegnati in dialoghi e negoziati con il movimento talebano, ma i tempi sono maturi per un riconoscimento formale dell’interlocutore che non è stato sconfitto sul campo di battaglia.

Rimangono due incognite. Una consolidata, l’altra in fase di evoluzione. La prima è rappresentata dalla frangia radicale presente all’interno del movimento talebano guidata da Sirajuddin Haqqani, a capo dell’organizzazione militare talebana e, in particolare, delle unità responsabili degli attacchi suicidi nella capitale.

L’altra incongnita è invece rappresentata dalla spinta violenta che lo Stato islamico-Khirasan sta tendando di dare alla guerra afghana, portandola dalla sua natura locale, di guerra di liberazione nazionale, a guerra ideologica globale.

Entrambe gli attori sono caratterizzati dall’indisponibilità all’accordo negoziale. Un pericoloso elemento comune di cui dover tener conto.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->