venerdì, Luglio 30

Affaire Moro. Il caso serio .1 Al via la terza (o quarta) Commissione Moro. Per scoprire la verità su quei fatti, e, soprattutto, su come siamo fatti

0

croppedimage701426-aldo-moro

L’avvio della nuova Commissione parlamentare sulla vicenda del rapimento e dell’omicidio di Aldo Moro rappresenta una grande occasione. Con l’elezione del Presidente, Giuseppe Fioroni, medico e deputato del Partito Democratico, il due Ottobre scorso, e di Vicepresidenti e Segretari, l’otto, i lavori sono formalmente avviati. Ancora nessuna riunione effettiva: si attende che il lavoro entri nel vivo, e si cominci effettivamente ad operare.

Una grande occasione, dicevamo. Non solo per fare luce sulla verità di quei giorni, annessi e connessi, ma anche, forse soprattutto, per dimostrare che l’Italia, le sue Istituzioni, i suoi parlamentari, sanno affrontare, finalmente e sino in fondo, le proprie più dolorose ferite, i propri misteri. Il proprio rimosso, il proprio rimorso.    

Si tratta della terza Commissione di indagine sul Caso Moro, la quarta se vogliamo includervi anche la Commissione P2, presieduta da Tina Anselmi, che di Moro e del contesto piduista di quei 55 giorni (e precedenti, e seguenti) ampiamente ed approfonditamete si occupò.

 

  1. 1.     La genesi

Con 178 sì, 11 no e 46 astenuti il 27 maggio scorso il Senato ha dato il via libero definitivo all’istituzione della Commissione parlamentare d’inchiesta sul rapimento e l’uccisione di Aldo Moro. Voto favorevole di Pd, Forza Italia, Gal, Sel, Popolari, Lega Nord. Astenuti Movimento Cinque Stelle e Scelta Civica. Si è dunque aperto così un nuovo capitolo nell’indagine sulla tragica fine del presidente della Democrazia Cristiana, iniziata il 16 marzo del 1978 nella romana Via Fani con l’eccidio della scorta perpetrato dalle Brigate Rosse. Il corpo fu poi lasciato senza vita il 9 maggio 1978 in via Caetani, sempre a Roma. La proposta della nuova commissione è arrivata in seguito alle dichiarazioni dell’ex ispettore Enrico Rossi, ora in pensione, che aveva rivelato il contenuto di una lettera scritta da uno dei due presunti passeggeri della Honda che bloccò il traffico il giorno del rapimento di Moro. Secondo un passaggio dello scritto, infatti “due agenti dei Servizi Segreti aiutarono le Brigate Rosse in via Fani durante il rapimento di Aldo Moro“. La lettera rivelava anche un altro particolare che, se vero, sarebbe sconvolgente. Gli agenti presenti sul luogo della strage avevano il compito di “proteggere le Br da disturbi di qualsiasi genere. Dipendevano dal colonnello del Sismi Camillo Guglielmi, che era in via Fani la mattina del 16 marzo 1978″. A partire da questa rivelazione tutta da verificare (e a nostro avviso di ben dubbia attendibilità, come altre, recenti, propinate ad eccellenti ma forse troppo ingenui ex magistrati) il Partito Democratico ha chiesto l’istituzione di una nuova Commissione di inchiesta.

 

  1. 2.     L’incarico

L’’organismo, composto da sessanta senatori e deputati. ha gli stessi poteri investigativi dell’Autorità Giudiziaria. I lavori devono concludersi entro diciotto mesi, prorogabili per altri sei. Al termine la presentazione di una Relazione sulle risultanze delle indagini ed eventuali relazioni di minoranza. Miguel Gotor  ha detto che “l’’istituzione di una nuova Commissione parlamentare d’inchiesta sul rapimento e sull’uccisione di Moro è un atto significativo e qualificante che permetterà di integrare il lavoro delle commissioni precedenti alla luce della nuova normativa sul segreto e sulle procedure di declassificazione”. Gotor, Docente Universitario, relatore del DdL, ha straordinaria competenza in materia. Potrà ora dare un senso al fatto che abbia lasciato l’Università e l’analisi, minuziosa ed unica, degli scritti e della vicenda di Moro, per traslocare in parlamento. In particolare è stato curatore di  Aldo Moro  Lettere dalla prigionia  Einaudi  Torino  2008, ed autore de  Il memoriale della Repubblica: gli scritti di Aldo Moro dalla prigionia e l’anatomia del potere italiano  Einaudi  Torino  2011. Un classico caso di braccia rubate allo studio, finito ad operare in mezzo a tante rubate all’agricoltura.

 

° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° ° °

Commissione parlamentare di inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro

Legge 30 maggio 2014 N 82, Gazzetta Ufficiale n. 125 del 31.5.2014

XVII Legislatura  dal 15 marzo 2013

 

  1. 1.      Presidente

             FIORONI Giuseppe, PD, Deputato

 

  1. 2.      Vicepresidenti
    1. PIEPOLI Gaetano, PI, Deputato
    2. TARQUINIO Lucio Rosario Filippo, FI-PdL XVII, Senatore

 

  1. 3.      Segretari
  2. 1.                   FORNARO Federico, PD, Senatore
  3. 2.                   KRONBICHLER Florian, SEL, Deputato


            Senatori

  1. BENCINI Alessandra, Misto, Italia Lavori in Corso
  2. BUEMI Enrico, Aut (SVP, UV, PATT, UPT)-PSI-MAIE
  3. CALIENDO Giacomo, FI-PdL XVII
  4. CERVELLINI Massimo, Misto, Sinistra Ecologia e Libertà
  5. COMPAGNA Luigi, NCD
  6. CORSINI Paolo, PD
  7. CROSIO Jonny, LN-Aut
  8. CUCCA Giuseppe Luigi Salvatore, PD
  9. D’AMBROSIO LETTIERI Luigi, FI-PdL XVII
  10. DI BIAGIO Aldo, PI
  11. DI GIORGI Rosa Maria, PD
  12. GASPARRI Maurizio, FI-PdL XVII
  13. GIOVANARDI Carlo, NCD
  14. GOTOR Miguel, PD
  15. LEPRI Stefano, PD
  16. LIUZZI Pietro, FI-PdL XVII
  17. LUCIDI Stefano, M5S
  18. MANCONI Luigi, PD
  19. MANGILI Giovanna, M5S
  20. MATURANI Giuseppina, PD
  21. MIGLIAVACCA Maurizio, PD
  22. MONTEVECCHI Michela, M5S
  23. MORRA Nicola, M5S
  24. NACCARATO Paolo, GAL
  25. PAGLIARI Giorgio, PD
  26. SPOSETTI Ugo, PD
  27. SUSTA Gianluca, SCpI
  28. TRONTI Mario, PD

 

  1. 1.      Deputati
    1. ATTAGUILE Angelo, LNA
    2. BAZOLI Alfredo, PD
    3. BERSANI Pier Luigi, PD
    4. CARRA Marco, PD
    5. COMINARDI Claudio, M5S
    6. COZZOLINO Emanuele, M5S
    7. D’ALESSANDRO Luca, FI-PdL
    8. DISTASO Antonio, FI-PdL
    9. EPIFANI Ettore Guglielmo, PD
    10. GALLI Carlo, PD
    11. GAROFALO Vincenzo, NCD
    12. GAROFANI Francesco Saverio, PD
    13. GRANDE Marta, M5S
    14. GRASSI Gerolamo, PD
    15. GUERINI Lorenzo, PD
    16. LA RUSSA Ignazio, FdI-AN
    17. PALESE Rocco, FI-PdL
    18. PES Caterina, PD
    19. PICCOLI NARDELLI Flavia, PD
    20. PILOZZI Nazzareno, Misto, Libertà e Diritti-Socialisti europei
    21. PISICCHIO Pino, Misto
    22. PIZZOLANTE Sergio, NCD
    23. PREZIOSI Ernesto, PD
    24. RIZZETTO Walter, M5S
    25. ROMANO Andrea, SCpI
    26. SISTO Francesco Paolo, FI-PdL
    27. SPESSOTTO Arianna, M5S

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->