domenica, Settembre 19

AfD: nuovo partito della borghesia tedesca?

0
1 2


Alternative für Deutschland (AfD – Alternativa per la Germania) è un partito tedesco fondato a Berlino nel febbraio 2013 come reazione alle misure politiche di salvataggio dell’Euro introdotte dalle autorità di Bruxelles a partire dal 2010 e finalizzate ad assicurare la stabilità finanziaria all’interno dell’area della moneta unica. Alle elezioni europee del 2014 ha conquistato il 7,1% dei voti, più del doppio di quelli ottenuti dal tradizionale partito della destra liberale tedesca, la FDP, ferma al 3,4%. Oggi è presente con propri rappresentanti in numerosi parlamenti regionali (Sassonia, Brandeburgo, Turingia, Amburgo e Brema), e la sua base elettorale è in continua crescita.

Portavoce del partito, fino al luglio 2015, erano Bernd Lucke (co-fondatore), Frauke Petry e Konrad Adam, ma un’aspra lotta di potere al suo interno ha portato alla fuoriuscita di Lucke: attuali portavoce del partito sono Frauke Petry e Jörg Meuthen.

AfD si colloca politicamente alla destra della CDU, la recente spaccatura è stata valutata come vittoria dell’ala nazionale-conservatrice del partito nei confronti di quella liberale-economica; malgrado ciò, tuttavia, il numero dei cittadini tedeschi che secondo i sondaggi di novembre potrebbero votarla è in continua ascesa, arrivando a toccare la quota del 10,5% (terzo partito in Germania).

In base a dati recentemente pubblicati sulla Frankfurter Allgemeine Zeitung relativi alla ‘struttura sociale’ del voto ad AfD e alle sue ultime proposte politiche, emerge che base elettorale e dirigenti del partito stiano facendo assumerle sempre più le sembianze di un movimento di destra radicale: dal confronto effettuato tra i dati registrati nel maggio 2014 (epoca di una prima indagine) e il novembre 2015 risulta che i simpatizzanti di AfD provengano in modo crescente dalla Germania dell’Est (dal 18% al 28%), siano sempre più uomini (dal 69% al 72%) e sempre più anziani (gli ultra quarantacinquenni sono passati al 72% dal precedente 69%). Di più: mentre in precedenza il numero dei simpatizzanti del partito che si riteneva di ‘destra’ era pari al 28%, ora questa percentuale è passata al 38%, seppur il 45% degli stessi si autodefinisce elettore di ‘centro’. È interessante osservare, peraltro, che circa il 70% dei suoi potenziali votanti (si tratta di un dato sostanzialmente invariato tra le due rilevazioni) lavora come impiegato nel settore pubblico o privato, mentre la percentuale di lavoratori autonomi è ferma intorno al 19%.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->