giovedì, Luglio 29

Aerei elettrici: quale futuro?

0

Come muoversi nel futuro? Tante aziende tecnologiche ci pensano. Dalle auto senza guidatore a quelle elettriche, fino ad arrivare ai treni ad alta velocità magnetici, ma non si è mai pensato al nuovo tipo di trasporto aereo. In realtà però sì.  E la linea è sempre la stessa: bassi consumi, per un futuro sostenibile.

E c’è una start up convinta di riuscire ad offrire entro i prossimi dieci anni dei voli di linea commerciali elettrici tra Londra e Parigi. E’ la Wright Electric: il progetto è quello di realizzare degli aerei elettrici in grado di trasportare 150 persone in viaggi di quasi 300 miglia (ovvero 482 chilometri). A guadagnarci? Non solo l’ambiente, ma anche i viaggiatori, che vedrebbero ridursi i costi di un viaggio senza benzina.

Ad oggi gli aerei elettrici annunciati dalla Wright Electric hanno attirato l’attenzione di tante compagnie, tra le prime quelle low cost, tra cui la Easyjet, che ha già confermato anche ai media che «ha già avuto dei contatti con Wright Electric, e sta fornendo al progetto il punto di vista di un operatore del settore per sviluppare al meglio questa tecnologia».

Il vero problema sinora è stato quello della durata delle batterie: se il ritmo dei progressi in questo specifico campo continuerà a crescere con questo tasso, allora la riuscita del progetto degli aerei elettrici è altamente probabile. Anche Airbus sta lavorando al progetto di un aeroplano elettrico per voli brevi da 70 – 90 passeggeri, ma il problema resta quello detto poco fa.

(video tratto dal canale Youtube di Usa Today)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->