domenica, Giugno 13

Addio al fondatore di “Playboy”, Hugh Hefner Si è spento a 91 anni il padre delle "conigliette"

0

Si è spento all’ età di 91 anni il fondatore di Playboy, Hugh Hefner. A comunicarlo, una nota diffusa da Playboy, secondo cui il fondatore sarebbe morto mercoledì sera per cause naturali  nella sua casa, circondato dall’ affetto dei suoi familiari. 

L’ idea geniale della rivista, risalente al 1953, resta ad oggi uno dei più famosi marchi a livello mondiale, oltre che una tappa della storia culturale dell’ Occidente. Proprio Playboy diverrà uno degli strumenti attraverso cui si esprimerà la rivoluzione sessuale degli anni ’60.

Nato il 9 aprile 1926 a Chicago, Illinois, Hugh Hefner inaugurò  il primo numero di Playboy, all’ età di 27 anni, del dicembre del 1953 con Marilyn Monroe.  Playboy divenne in seguito un’impresa multimilionaria. Negli anni Settanta, Hefner diede vita alla Playboy Mansion West di Holmby Hills, California, che rimane l’editor principale del magazine.  Negli ultimi anni è stato protagonista della serie TV The Girls Next Door.

L’ edonismo consapevole era il tratto distintivo di Hugh Hefner così come inconfondibile era il suo look: una vestaglia rossa di seta e l’ inseparabile pipa. Un sogno è quello che Hefner ha voluto trasmettere tramite le sue “conigliette”. Ad apparire sulle copertine di Playboy, molte delle grandi star di Hollywood: da Marylin Monroe a Pamela Anderson, ma anche Anita Ekberg, Madonna, Drew Barrymore, Cindy Crawford. 

Nel video, Hefner ricorda Marilyn Monroe, la prima ad occupare la copertina della rivista.

(Video tratto dal canale Youtube Marilyn Monroe Video Archives)

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->