domenica, Ottobre 24

Addio a Ingvar Kamprad, il fondatore di Ikea «Una casa da sogno a prezzi da sogno» è stata la promessa che lo ha reso uno degli uomini più famosi al mondo

0

E’ morto ieri, all’ età di 91 anni, il fondatore di Ikea, Ingvar Kamprad che viveva, in Svizzera insieme alla moglie Margaretha, in un modesto bungalow, arredato con i prodotti in vendita nei suoi negozi. Fu simpatizzante nazista in gioventu’, cosa di cui si pentì, e fondò il gruppo Ikea in Svezia nel 1943.

Scelse il nome Ikea aggiungendo alle sue iniziali (IK) le prime lettere della fattoria di famiglia dove e’ cresciuto (Elmtaryd) e del paese dove era nato (Agunnaryd). Dopo aver fatto di Ikea un leader mondiale nella mobilia componibile Kamprad aveva lasciato qualche anno fa ai tre figli – Peter di 44 anni, Jonas di 41 e Matthias di 39 – il controllo dell’ azienda.

«Con i soldi sto abbastanza attento. Sono una specie di scozzese di Svezia. D’altronde se incomincio a comprare beni di lusso spingo gli altri a imitarmi ed e’ importante che i leader diano il buon esempio» aveva spiegato il signor Ikea che non frequentava i ristoranti piu’ costosi e, quando la città natale gli aveva eretto una statua, lui, dopo aver tagliato il nastro inaugurale, lo aveva ripiegato con cura e poi consegnato al sindaco perchè «puo’ essere ancora usato». Non vestiva con abiti firmati nè guidava fuoriserie. Non aveva paura a prendere la metropolitana o l’ autobus quando si trovava in città.

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->