venerdì, ottobre 19

Acquisti online e spedizioni: qual è la migliore soluzione? E' importante individuare la migliore strategia per il proprio modello di business

0

Il mondo degli acquisti online è in continua crescita, così come continuano a crescere di pari passo le spedizioni in giro per l’Italia e per il Mondo. Il tutto si muove meticolosamente attraverso oggetti, come le scatole per spedizioni, che sono diventate semplicemente indispensabili. In questo caso, chi vende su siti come eBay può scegliere scatole per spedizioni che si reperiscono su siti specifici a prezzi davvero concorrenziali.

Ma, prima di procedere ad una spedizione, bisogna considerare bene le tariffe e tutte le altre componenti in gioco. Quel che c’è da sapere è che tutti i corrieri hanno tariffe prestabilite, spesso basate sul volume di vendita: più spedisci e più risparmi. Anche le piccole attività hanno comunque la possibilità di negoziare i costi di spedizione: puoi ad esempio chiedere più preventivi dai diversi corrieri e, sulla base di questi, cercare di abbassare il prezzo.

Richiedendo più preventivi, si può scoprire anche che i vari corrieri hanno anche diversi servizi e punti di forza. Ad esempio, alcuni corrieri sono specializzati in pacchi di grosse dimensioni.

Ottenere più preventivi dai diversi corrieri e dover poi negoziare il prezzo è un processo che richiede del tempo. Specialmente le piccole aziende, che non hanno una figura commerciale specializzata, anziché contattare i singoli spedizionieri possono affidarsi a servizi di comparazione dei prezzi di spedizione per le imprese. Il vantaggio può essere duplice: da un alto si risparmia tempo e si ottengono preventivi alla velocità di un click; dall’altro si ottengono prezzi più convenienti rispetto a quello del corriere, visto che i migliori comparatori di prezzi spedizioni offrono tariffe scontate.

Ovviamente è importante individuare la migliore strategia di spedizioni per il proprio modello di business. Un primo aspetto da considerare è la possibilità di offrire o meno spedizioni gratuite. Se possiamo permettercelo, questo può incrementare in maniera decisiva le vendite del negozio.

In caso contrario si possono usare alcune strategie per incrementare le vendite senza per questo rimetterci offrendo spedizioni troppe economiche. Si possono, ad esempio, garantire tariffe fisse, indipendentemente dal quantitativo ordinato: in questo modo si incoraggiano grossi volumi di acquisti, visto che in questo modo le spese di spedizione incidono meno sul totale.

È possibile anche modificare il prezzo dei prodotti, senza per questo aumentare la spesa dell’utente. Ad esempio, se il prodotto che vendiamo costa 8€ e le spese di spedizione sono di 6€, potremmo pensare di aumentare il prezzo del prodotto a 10€ e i costi di consegna a 4€. Il totale per il cliente rimane lo stesso (14€), ma chi compra ha la percezione di fare un affare migliore, visto che le spese di spedizione incidono meno sul totale.

Anche chi ha bassi volumi di spedizioni può avere benefici, anche economici, da una migliore organizzazione logistica, soprattutto se vende online. Esistono infatti soluzioni e-commerce pensate in maniera specifica per i piccoli e medi business online, in modo che possano raggiungere in maniera semplice ed economica una completa automazione delle spedizioni e degli ordini.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore