Accordo nucleare iraniano: le false lamentele degli oppositori L'argomento dell'opposizione è che un JCPOA ripristinato non spingerebbe l'Iran abbastanza lontano dalla capacità di costruire un'arma nucleare per rendere utile un nuovo accordo del genere

L’ultima svolta nella ferma opposizione al ripristino dell’accordo di limitazione nucleare noto come Joint Comprehensive Plan of Action, o JCPOA, arriva in evidente risposta ai segnali che i negoziatori a Vienna potrebbero effettivamente essere vicini a un accordo. Quell’opposizione, che ha suonato per lo più la stessa serie di temi ormai familiari sin da quando il PACG originale è stato negoziato per la prima volta quasi un decennio fa, è sempre stata meno sui termini di un accordo che sul non volere alcun accordo con l’Iran . La nuova svolta è l’idea che un JCPOA ripristinato non spingerebbe l’Iran abbastanza lontano dalla capacità di costruire un’arma nucleare per rendere utile un nuovo accordo del genere.

L’idea di fondo è che i progressi che l’Iran ha fatto nel suo programma nucleare negli ultimi tre anni – da quando l’amministrazione Trump ha rinunciato al PACG nel 2018 ha liberato l’Iran dai suoi obblighi ai sensi dell’accordo – non possono essere completamente annullati. Sebbene l’uranio arricchito possa essere spedito o miscelato e le centrifughe possano essere rimosse dalle linee di produzione, la conoscenza e l’esperienza che gli scienziati iraniani potrebbero aver acquisito non possono essere portate via.

La nuova linea di opposizione si concentra sul ‘tempo di rottura’, un modo abbreviato comune per esprimere quanto tempo stimato impiegherebbe una nazione per produrre materiale fissile del valore di una bomba se scegliesse di farlo. L’importante ridimensionamento delle attività nucleari che l’Iran è stato obbligato a intraprendere nell’ambito del PACG ha esteso il tempo di breakout a un anno o più, in contrasto con quelli che probabilmente erano solo due o tre mesi prima dell’entrata in vigore dell’accordo. Si stima generalmente che l’espansione dell’attività di arricchimento iraniana da quando gli Stati Uniti si sono ritirati abbia ridotto il tempo di rottura fino a solo un mese circa. L’argomento dell’opposizione è che, data quella conoscenza ed esperienza non rimovibili, anche un JCPOA ripristinato non sarebbe in grado di riportare il tempo di breakout fino a un anno e potrebbe lasciarlo a qualcosa come sei mesi.

La prima cosa da ricordare è che è stato il rinnegamento di Trump – acclamato da quegli stessi accaniti oppositori del JCPOA – che ha portato all’espansione dell’attività nucleare iraniana e alla situazione in cui ci troviamo ora. Se gli Stati Uniti avessero aderito ai propri obblighi ai sensi dell’accordo, non si sarebbe verificata nessuna di queste espansioni e saremmo ancora a un periodo di rottura di un anno o più.

È anche utile capire cosa significa e cosa non significa il ‘breakout time’. Sebbene sia stato un modo conveniente per rappresentare le dimensioni e i livelli di arricchimento di una scorta di materiale fissile, non rappresenta il tempo prima che un Paese disponga di un’arma nucleare. La costruzione di un’arma del genere richiederebbe molti passaggi tecnicamente più impegnativi, inclusa la trasformazione dell’uranio arricchito in un nucleo metallico e tutti gli altri aspetti della progettazione e fabbricazione di un dispositivo consegnabile. A causa di questi altri passaggi, l’Iran potrebbe essere ancora ben lontano dalla capacità di costruire un’arma nucleare anche se dovesse acquisire uranio altamente arricchito del valore di una bomba.

Vale ancora la pena di preoccuparsi di quanto lontano percorre l’Iran su questa strada, per considerazioni generali sulla non proliferazione nucleare, anche se per nessun altro motivo. Maggiore è il tempo di breakout, meno lontano sarà l’Iran su questo percorso. Qualsiasi accordo concepibile che esca dagli attuali negoziati di Vienna significherebbe un tempo di rottura maggiore rispetto all’alternativa del mancato accordo.

Gli oppositori del JCPOA – concentrandosi su tempi di rottura di, diciamo, sei mesi contro un anno – accusano l’amministrazione Biden di essere disposta ad accettare un accordo che è ‘anche peggiore’, per usare la terminologia degli oppositori, rispetto al JCPOA originale. Ma come sempre negli anni di sforzi degli oppositori per sconfiggere qualsiasi accordo con l’Iran, non confrontano mai ciò che stanno criticando con l’alternativa. I lunghi, difficili negoziati che lasciano tutto sul tavolo che per primi hanno prodotto il PACG e che ora si stanno svolgendo a Vienna smentiscono l’idea che ci sia un ‘accordo migliore’, che incorpora tutto ciò che gli oppositori vorrebbero, per essere avuto. La vera alternativa a un JCPOA ripristinato, ovvero nessun accordo, ha già un tempo di breakout fino a circa un mese e presto lo porterebbe a zero.

La retorica degli avversari sui tempi di breakout ignora altre due importanti considerazioni. Uno è che, nella misura in cui il tempo di evasione potrebbe essere significativo, implica quanto tempo la comunità mondiale dovrebbe avere per reagire a un paese che improvvisamente ha iniziato a correre per costruire una bomba atomica. Ciò a sua volta implica la capacità di rilevare e monitorare le attività nucleari di quel paese, e questo indica uno degli elementi più importanti del PACG: il monitoraggio internazionale altamente invadente del programma iraniano. Questo accordo di monitoraggio accresciuto – che cesserebbe se il JCPOA morisse – è la migliore garanzia che qualsiasi mossa che l’Iran potrebbe fare per militarizzare il suo programma nucleare sarebbe rilevata quasi immediatamente.

L’altra considerazione ignorata è che il breakout time diventa significativo solo se il Paese coinvolto decide di ‘rompere’ un accordo e gareggiare per costruire una bomba atomica. Non vi è alcuna indicazione che l’Iran abbia preso una decisione del genere. Ci sono indicazioni che abbia lavorato in passato su un’opzione di armi nucleari, ma evidentemente ha sospeso quel lavoro. La firma del JCPOA da parte di Teheran è assolutamente incomprensibile se non nel contesto di una decisione strategica dell’Iran secondo cui sarebbe meglio come Stato non dotato di armi nucleari che ottiene sollievo dalle sanzioni economiche ed è integrato nella comunità mondiale, piuttosto che essere uno Stato sanzionato e isolato, ma nucleare. L’ampio smantellamento da parte dell’Iran del suo programma nucleare nell’ambito del JCPOA non avrebbe senso sotto qualsiasi altra interpretazione.

Quella decisione strategica iraniana è reversibile. La linea di condotta che gli oppositori del PACG favoriscono – continue sanzioni economiche e isolamento nonostante il precedente rispetto da parte dell’Iran delle restrizioni del PACG – è una ricetta per rendere più probabile tale inversione di tendenza. Diventa ancora più probabile quando si aggiungono le minacce di attacco militare, il che porta i responsabili politici a Teheran a pensare di più alla necessità di armi nucleari per scoraggiare tali attacchi.

La via più sicura per evitare un’arma nucleare iraniana è che l’Iran non decida mai di costruire un’arma del genere in primo luogo. Assicurare che non decida così richiede il tipo di struttura di incentivi incorporata nel JCPOA – un accordo da cui l’Iran non ha mostrato alcun segno di voler rompere, anche dopo l’amministrazione Trump. I tempi di rottura diventano per lo più un esercizio accademico fintanto che l’Iran non cerca mai di scoppiare.