lunedì, Novembre 29

Accordo nucleare iraniano appeso a un filo Washington ha esagerato non facendo da intermediario con il governo più moderato di Teheran quando ne ha avuto la possibilità?

0

I negoziati tra l’Iran e il P5+1 per rilanciare l’accordo per limitare il programma nucleare iraniano dovrebbero riprendere il 29 novembre.

L’anno scorso, durante la sua campagna presidenziale, il Presidente Biden aveva affermato più volte che la sua amministrazione si riunirà rapidamente al JCPOA, ma oltre un anno dopo la sua elezione, ciò deve ancora concretizzarsi. Ciò è dovuto principalmente al rifiuto degli Stati Uniti di revocare tutte le sanzioni che l’amministrazione Trump aveva imposto all’Iran, sebbene anche le dinamiche politiche interne dell’Iran e la lotta di potere tra l’amministrazione dell’ex presidente Hassan Rouhani e i sostenitori della linea dura abbiano avuto un ruolo.

Sia l’Iran che gli Stati Uniti hanno ‘carte’ da giocare per ottenere concessioni dall’altra parte nei prossimi negoziati.

Per l’amministrazione Biden la carta più importante è lo stato disastroso dell’economia iraniana che sta vacillando per le dure sanzioni statunitensi, così come la profonda corruzione economica che ha svuotato il tesoro nazionale, con il governo che ha un deficit di bilancio di decine di miliardi di dollari . Le stesse statistiche del governo indicano che fino a 30 milioni di iraniani, su una popolazione di 85 milioni, vivono al di sotto della soglia di povertà. L’inflazione annua è di circa il 60% e il rial, la valuta ufficiale dell’Iran, continua a perdere valore rispetto alle principali valute estere. Pertanto, l’Iran ha bisogno di sollievo dalle sanzioni statunitensi e l’amministrazione Biden ne è perfettamente consapevole.

Nonostante lo stato disastroso della sua economia, l’Iran non è privo di carte politiche. Dal 2019, un anno dopo il ritiro di Trump dal JCPOA, quando l’Iran ha posto fine alla sua ‘pazienza strategica’ e ha iniziato, in conformità con l’articolo 35 del JCPOA, a prendere le distanze da alcuni dei suoi obblighi nucleari, ha compiuto progressi significativi in ​​tre aree chiave del suo programma di arricchimento dell’uranio.

Secondo l’ultimo rapporto dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, l’Iran ha installato e utilizzato un piccolo numero di centrifughe avanzate che non è autorizzato a utilizzare ai sensi del JCPOA. L’Iran ha anche prodotto 210 kg di uranio con un arricchimento del 19,75 percento – che è il carburante per il reattore di ricerca di Teheran che produce isotopi medici per circa un milione di pazienti all’anno – e 25 kg al 60 percento. Entrambi sono a livelli di arricchimento superiori alla media del 3,65 percento consentito dal JCPOA.

L’Iran ha anche prodotto 200 g di uranio metallico (UM) dall’uranio arricchito al livello del 19,75%. Se l’UM è fatto di uranio arricchito al 90%, può essere usato per costruire il nucleo di un’arma nucleare. Ma, se il livello di arricchimento è più basso, una volta convertito in UM, sarebbe molto difficile, se non impossibile, per l’Iran riconvertirlo in normale uranio arricchito per aumentare il suo livello di arricchimento.

Tutti questi progressi sono reversibili. Le centrifughe avanzate possono essere rimosse e conservate; l’uranio con livelli di arricchimento più elevati può essere immagazzinato e salvaguardato dall’AIEA, e qualsiasi UM prodotto con un arricchimento inferiore al grado di bomba è infatti un buon passo per la non proliferazione nucleare. L’Iran, tuttavia, acquisisce esperienza, conoscenza e intuizioni sugli elementi delle tre aree importanti, rafforzando così la natura indigena del suo programma nucleare. Preoccupando l’amministrazione Biden e i suoi alleati europei, i progressi rafforzano le mani dell’Iran nell’imminente negoziato.

Gli estremisti dell’Iran

Sebbene tutti diffidino degli Stati Uniti, i sostenitori della linea dura iraniana non sono uniti. La loro fazione più estrema, ma anche la più piccola, di cui il quotidiano ‘Kayhan‘ e il suo caporedattore Hossein Shariatmadari si fanno portavoce, propugnano l’uscita dal Trattato di non proliferazione nucleare e la fine della cooperazione con l’AIEA. In questa fazione è incluso anche Fereydoun Abbasi Davani, direttore dell’Organizzazione per l’energia atomica dell’Iran durante l’amministrazione Ahmadinejad, un ufficiale in pensione dell’IRGC e attualmente deputato al Majles, il parlamento iraniano. È sfuggito a un tentativo di omicidio da parte di Israele nel 2011. Dopo che Mohsen Fakhrizadeh, che ha guidato il programma nucleare iraniano per 20 anni, è stato assassinato da Israele, Abbasi Davani ha chiesto di porre fine a qualsiasi cooperazione con l’AIEA.

Questa fazione crede che un repubblicano potrebbe vincere le elezioni presidenziali degli Stati Uniti nel 2024, e ancora una volta eliminerà gli Stati Uniti dal JCPOA, anche se l’Iran raggiungerà un accordo con l’amministrazione Biden. Quindi, ha concluso questa fazione, non ha senso tornare al JCPOA. Conta anche sulla Cina e sull’accordo strategico che ha firmato con l’Iran lo scorso maggio, nonché sull’ammissione dell’Iran all’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai a settembre, di cui sono membri sia la Cina che la Russia, per salvare l’Iran.

Il nuovo capo negoziatore nucleare iraniano è Ali Bagheri Kani, il suo viceministro degli esteri e un irriducibile. Appartiene a quella che in Iran viene definita la beit-e rahbari o la dimora del leader, la cerchia ristretta dell’ayatollah Ali Khamenei, il leader supremo dell’Iran, e suo figlio Mojtaba Khamenei che ha svolto un ruolo di primo piano nell’ascesa alla presidenza di Raisi.

Il fratello di Bagheri, Mesbah-Olhoda Bagheri Kani è sposato con Hoda Khamenei, la figlia dell’Ayatollah. Nato nel 1967, Bagheri ha ricevuto la sua formazione presso l’Imam Sadegh University di Teheran, fondata dal suo defunto zio, l’ex primo ministro Ayatollah Mohammad Reza Mahdavi Kani, e da suo padre, l’ayatollah Mohammad Bagher Bagheri Kani, che esercita l’influenza da dietro le quinte. L’università ha prodotto laureati ideologicamente fedeli all’ayatollah Khamenei, con 10 dei suoi laureati che attualmente prestano servizio come alti funzionari nell’amministrazione Raeisi.

Bagheri è stato un duro critico del JCPOA, credendo che l’Iran abbia rinunciato a troppo e ricevuto molto poco. Dopo che il JCPOA è stato firmato nel luglio 2015, Bagheri ha iniziato ad attaccare l’accordo e il fatto che l’amministrazione Trump sia uscita dal JCPOA e reimposto le dure sanzioni ha solo rafforzato la sua determinazione e quella del blocco estremista.

I relativi pragmatici tra gli estremisti iraniani credono che sia imperativo raggiungere un accordo con gli Stati Uniti. Temono che se le sanzioni non verranno revocate, l’economia si deteriorerà ulteriormente, provocando la rivolta delle persone, soprattutto della classe inferiore, su una scala molto più grande della sanguinosa manifestazione del novembre 2019 per l’improvviso aumento del prezzo della benzina. Ma questa fazione è anche preoccupata che se l’Iran fa troppe concessioni, la base sociale di sostegno degli intransigenti, che si è già notevolmente ridotta, si indebolirà ulteriormente.

Il quotidiano controllato dal governo Iran ha riferito il 14 novembre che nei prossimi negoziati Bagheri chiederà a Washington di revocare tutte le sanzioni imposte all’Iran, pagare un risarcimento per i danni che le sanzioni di Trump hanno inflitto all’Iran e garantire che nessuna futura amministrazione statunitense imporrà nuovamente le sanzioni. Bagheri dichiarerà inoltre che l’Iran si rifiuta di negoziare sul suo programma missilistico e sulla sua politica in Medio Oriente e che prima che l’Iran ritorni ai suoi obblighi, deve essere in grado di esportare petrolio e riceverne i proventi.

Anche se questo può essere un atteggiamento, resta il fatto che l’amministrazione Biden ha perso l’occasione di raggiungere un accordo con l’amministrazione Rouhani la scorsa primavera e, con la loro visione rigida e ideologica del mondo, sarà molto più difficile per gli estremisti iraniani raggiungere un accordo.

Entrambe le parti devono essere flessibili e realistiche ed essere pronte a fare concessioni. In caso contrario, probabilmente non sarà più possibile rilanciare il JCPOA.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->