martedì, Maggio 17

Accordo Isole Salomone – Cina: quando anche i ‘piccoli’ contano Il patto di sicurezza ad ampio raggio della Cina con le Isole Salomone: uno 'sviluppo rivoluzionario', un prisma attraverso il quale verranno rifratte tutte le altre componenti della geopolitica del Pacifico

0

Il 19 aprile, la Cina ha annunciato di aver firmato un patto di sicurezza ad ampio raggio con le Isole Salomone, poche ore dopo che gli Stati Uniti avevano fatto sapere che avrebbero inviato funzionari nella Nazione del Pacifico meridionale per la preoccupazione che Pechino possa stabilire una base militare nel Paese. Per altro, i rumors di un accordo sono arrivate poche settimane dopo che il Segretario di Stato americano Tony Blinken aveva annunciato, a febbraio, che gli Stati Uniti avrebbero aperto un’ambasciata a Honiara, la capitale, per aumentare il coinvolgimento con le isole, dove c’è stato un acceso dibattito interno sulle relazioni con la Cina.

Una bozza dell’accordo, trapelata il mese scorso, aveva lanciato l’allarme in quanto lasciava intendere che la Cina avrebbe potuto porre dispiegamenti navali nelle Isole Salomone, un Paese di circa 700.000 persone che negli ultimi mesi ha dovuto far fronte a disordini politici e sociali. L’aumento della disoccupazione e l’opposizione alla leadership del Primo Ministro Manasseh Sogavare hanno scatenato disordini di massa nel Paese. A novembre, i manifestanti hanno cercato di assaltare il Parlamento durante diversi giorni di rivolte.
Manasseh Sogavare ha ripetutamente affermato che non intende consentire alla Cina di costruire una base militare nel suo Paese, semplicemente il Paese stadiversificando le sue partnership per la sicurezza.
La reazione di Washington, Canberra e Wellington è stata in gran parte inquadrata nella narrativa dellaminaccia cinese‘ e dalla necessità di proteggere il loro tradizionale dominio nella regione.
«La natura ampia dell’accordo sulla sicurezza lascia aperta la porta per il dispiegamento delle forze militari della RPC nelle Isole Salomone», aveva affermato il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price, il giorno prima della firma dell’accordo. La firma del patto «potrebbe aumentare la destabilizzazione all’interno delle Isole Salomone e creerà un precedente preoccupante per la più ampia regione delle Isole del Pacifico».
Poche ore dopo, l’accordo è stato firmato.
Le Isole Salomone sono così saldamente nel campo della Cina, per quanto abbiano riconosciuto Pechino solo nel 2019, dopo aver interrotto i legami con Taiwan, l’isola autonoma che la Cina considera una provincia separatista. Gli Stati Uniti e i loro alleati nell’area, Australia e Nuova Zelanda, temono che l’accordo crei un pericoloso precedente che consentirebbe alla Cina di posizionarsi militarmente in una regione che è diventata l’ultimo e piuttosto inaspettato punto critico per la concorrenza USA-Cina nell’Indo-Pacifico.

Il Primo Ministro australiano Scott Morrison ha inviato un alto diplomatico nelle isole e ha descritto l’accordo come una ‘grande preoccupazione’, e la Nuova Zelanda che fa eco a quel sentimento.
L’accordo potrebbe sia vedere le navi della marina cinese attraccare a circa 1.250 miglia a nord-est dell’Australia, sia significare che l’influenza tradizionale di Canberra nel Pacifico meridionale sta svanendo.
Matt Pottinger, il massimo esperto asiatico del Consiglio di sicurezza nazionale dell’ex Presidente Donald Trump, ha visitato le Isole Salomone nel marzo 2019, preoccupato che la piccola Nazione -che all’epoca era uno dei pochi partner diplomatici rimasti di Taiwan- potesse modificare le sue alleanze e schierarsi con la Cina. Nonostante la spinta diplomatica di Washington, le isole hanno interrotto i legami con Taiwan nel settembre 2019.

Gli Stati Uniti devono essere «molto, molto attivi» nella regione delle isole del Pacifico, ha detto Pottinger ad ‘Axios‘, il giorno prima della firma dell’accordo. «La politica statunitense e australiana nei confronti del Pacifico non può volare con il pilota automatico quando la concorrenza è così forte, quando la Cina è così concentrata sulla base militare, sull’influenza e sulla raccolta di informazioni in quella regione». Pottinger ha affermato che se la Cina stabilisse basi nel Pacifico, potrebbe minacciare le linee di rifornimento statunitensi in caso di guerra.
Il comandante del Corpo dei Marines, il generale David Berger, ha notato, durante un viaggio in Australia, che la posizione geografica delle Isole Salomone era importante durante la seconda guerra mondiale -quando una battaglia cruciale fu combattuta a Guadalcanal, l’isola più grande dell’arcipelago- e lo è ancora oggi. Ha anche avvertito che il patto di sicurezza è «troppo bello per essere vero» per le isole, per tanto avrebbe certamente avuto dei vincoli.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese ha affermato il mese scorso che i Paesi che hanno inviato da tempo «aerei e navi militari direttamente alle porte degli altri» non dovrebbero obiettare «con condiscendenza» a tale «cooperazione reciprocamente vantaggiosa».

In tutto questo però, le relazioni con la Cina sono controverse all’interno delle isole stesse.

Patricia O’Brien, storica, analista e commentatrice per l’area Australia e Oceania, Membro della facoltà di Studi asiatici presso la Georgetown University e presso il Department of Pacific Affairs, Australian National University, e analista presso il Center for Strategic and International Studies, parla di questo accordo come di «un prisma attraverso il quale verranno rifratte tutte le altre componenti della geopolitica del Pacifico, in effetti la geopolitica del grande Indo-Pacifico». La «travagliata Nazione di Sogavare e la regione indo-pacifica devono affrontare le vaste conseguenze di questo sviluppo rivoluzionario», aggiunge.

E spiega questo ‘sviluppo rivoluzionario’ oggetto di non poca preoccupazione. «Il nuovo accordo sulla sicurezza ha implicazioni nazionali e geopolitiche di vasta portata. I due contesti sono ora pericolosamente intrecciati, con la maggiore contesa geopolitica tra la Cina da una parte e Taiwan, gli Stati Uniti, l’Australia e altri alleati dall’altra parte, mappata su tensioni interne di vecchia data e sempre più precarie. Queste tensioni sono regolarmente sfociate in conflitto nel corso dei 44 anni da quando le Isole Salomone hanno ottenuto l’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1978». Patricia O’Brien richiama il conflitto armato del 1998 -causato da conflittualità tra gli abitanti delle diverse isole (Malaita in testa) che compongono la Nazione-, formalmente concluso con un accordo di pace nel 2000, che però non è mai stato completamente attuato, il che ha portato al permanere degli scontri e le forze di pace guidate dall’Australia sono state nelle Isole Salomone dal 2003 al 2017, come parte della Missione di assistenza regionale delle Isole Salomone (RAMSI).
«L’accordo di sicurezza tra Cina e Isole Salomone arriva solo quattro mesi dopo che le forze di pace di Australia, Nuova Zelanda, Figi e Papua Nuova Guinea sono tornate in aiuto delle Isole Salomone alla fine di novembre 2021 a seguito dell’urgente richiesta di Sogavare. Giorni prima, proteste pacifiche composte principalmente da uomini dell’isola di Malaita erano nella capitale, Honiara, denunciando quello che vedevano come il trattamento punitivo di Sogavare nei confronti di Malaita per aver mantenuto una posizione pro-Taiwan dopo che Sogavare aveva cambiato drasticamente la fedeltà nazionale alla Cina in Settembre 2019. Dopo che i manifestanti malaitani sono stati brutalmente affrontati dalla polizia delle Isole Salomone, le proteste pacifiche si sono trasformate in una micidiale follia di saccheggi e incendi dolosi incentrati sulla Chinatown di Honiara. Gli avvertimenti erano stati lanciati dai leader del Maliche le forze di pace stavano sostenendo il governo impopolare e corrotto di Sogavare e, così facendo, stavano svolgendo il lavoro della Cina. Solo quattro mesi dopo, queste avvertenze si sono rivelate corrette. Non solo
Sogavare tiene saldamente le redini del potere, grazie ai recenti interventi di peacekeeping, ma il potere del suo governo è ora garantito dalla Cina. Di conseguenza, è ora necessaria una ricalibrazione della geopolitica del Pacifico».

«Non è chiaro esattamente ciò che le Isole Salomone e la Cina hanno concordato, poiché la versione finale del patto è stata tenuta segreta, a quanto pare, a tutti i ministri del governo tranne pochi eletti», afferma O’Brien. Ma «la velocità con cui è stato formalizzato, suggerisce che la versione finale firmata è molto vicina alla bozza trapelata. Quel documento di sei articoli era carico di termini e poteri vagamente definiti che avrebbero consentito a Pechino enormi incursioni nelle Isole Salomone. Consentirebbe operazioni militari e di intelligence cinesi su larga scala. La cosa più preoccupante è che consente alla Cina di essere fortemente coinvolta nel mantenimento dell’ordine civico attraverso il dispiegamento dipolizia, polizia armata, personale militare e altre forze dell’ordine e forze armate‘. La sovranità delle Isole Salomone sarebbe presumibilmente protetta da fattori scatenanti poco dettagliati e poteri deboli che controllano l’intervento cinese, come il potere di attivazione per l’accordo e il ‘consenso’ per le visite navali cinesi che vengono mantenuti dal governo delle Isole Salomone. Tuttavia, l’inclusione della frase che presumibilmente dia a entrambe le Nazioni il potere di agiresecondo i propri bisogni ha sollevato preoccupazioni sulla libertàche questo accordo offre alla Cina per espandere la sua potenza militare nel Pacifico sud-occidentale. Profondamente preoccupante è anche il fatto che l’accordo prevedel’immunità legale e giudiziaria per tutto il personale cinese».
La possibilità di disordini, afferma la storica, è reso ancora più probabile data la difficoltà finanziaria della nazione, aggravata dalle rivolte del 2021 (sebbene Sogavare lo abbia negato ) e dal devastante arrivo del COVID-19 sotto forma di più varianti contemporaneamente presenti nelle Isole Salomone a partire da gennaio 2022. «Oltre a questi problemi, è scoppiato più dissenso interno a causa dell’accordo con la Cina. Il governo di Sogavare ha emesso negli ultimi giorni una serie di avvertimenti particolarmente stridenti agli oppositori. Il 4 aprile, il suo governo ha negato le notizie che l’accordo sulla sicurezza minaccia di dividere la Royal Solomon Islands Police Force (RSIPF). Questi sono sviluppi molto preoccupanti dato il fragile stato delle istituzioni democratiche delle Isole Salomone (soprattutto perché le elezioni sono previste nel 2023) che senza dubbio infiammeranno i carboni ardenti del conflitto».

L’accordo ha implicazioni per la sicurezza nella regione e nel più ampio Indo-Pacifico.«L’imminente 80° anniversario della battaglia di Guadalcanal del settembre 1942, che devastò le forze militari statunitensi e giapponesi e costò la vita a molti abitanti delle Isole Salomone, è un promemoria profondamente sconvolgente dell’importanza strategica e duratura delle Isole Salomone. Questo è particolarmente vero per l’Australia, che si trova a poco più di 3.200 chilometri di distanza. Le Isole Salomone si estendono su rotte marittime e di comunicazione critiche australiane. Le Isole Salomone sono anche della massima importanza strategica per i vicini della Papua Nuova Guinea e per la nuova Nazione emergente dalla sua regione autonoma di Bougainville, che si trova appena a nord del confine con le Isole Salomone, così come le Fiji e la Nuova Zelanda. La Nuova Zelanda ha firmato un ‘accordo di partenariato con le Fiji il 29 marzo, a seguito delle rivelazioni dell’esistenza dell’accordo sulla sicurezza Isole Salomone-Cina, e questo fa seguito a un importante aggiornamento della cooperazione in materia di difesa tra Fiji e Australiaa metà marzo 2022».

«Lo studioso delle Isole Salomone Tarcisius Kabutaulaka sostiene che “è improbabile che la Cina costruisca una base navale nelle Isole Salomone” perché “gli avamposti militari stranieri non sono il modo in cui opera Pechino”. Kabutaulaka sostiene inoltre che, a differenza degli Stati Uniti, che gestiscono 750 basi in 80 Paesi, la Cina gestisce “una sola base all’estero a Gibuti nel Corno d’Africa». Potrebbe essere così, per ora, afferma Patricia O’Brien, «ma le passate aperture della Cina a Vanuatu nel 2018 e Papua Nuova Guinea nel 2020, e le attività al porto di Hambantota in Sri Lanka, al porto di Gwadar in Pakistan e alla base navale di Ream in Cambogia, e ora le Isole Salomone, quando collegate tra loro raccontano un’altra storia. È improbabile che una mossa così provocatoria come la costruzione di una base militare cinese avvenga a breve termine, ma la Cina continua a giocare un gioco strategico lungo e complesso. Sogavare ha continuato a cercare di sedare le preoccupazioni dicendo “L’Australia rimane il nostro partner preferito e non faremo nulla per minare la sicurezza nazionale australiana”, sebbene tali parole siano di freddo conforto date le sue recenti azioni.
Mentre una base militare potrebbe essere uno scenario a più lungo termine, la rivelazione dell’accordo Isole Salomone-Cina ha già avuto un impatto sugli approcci statunitensi e alleati al Pacifico (come i recenti accordi tra Australia e Nuova Zelanda con le Fiji). Un esempio calzante è stata l’udienza del Senato degli Stati Uniti sul patto di negoziazione della libera associazione tenutasi il 29 marzo. Quell’audizione ha raccolto prove dai Dipartimenti di Stato, Difesa e Interni sullo stato impantanato dei negoziati del governo degli Stati Uniti con la Repubblica delle Isole Marshall, gli Stati Federati di Micronesia e la Repubblica di Palau». L’accordo Isole Salomone-Cina incombeva sulla riunione. «I senatori hanno cercato risposte sul motivo per cui c’era stata una tale apparente disfunzione e mancanza di azione sui rinnovi del COFA quando la Cina stava avanzando e facendo incursioni critiche nella regione, come chiarisce l’accordo sulle Isole Salomone. Si spera ora che il ritmo e la portata del coinvolgimento delle Isole del Pacifico degli Stati Uniti crescano in modo esponenziale di conseguenza. Dovrebbero esserci anche riforme radicali nel modo in cui gli Stati Uniti e i loro alleati si avvicinano alle Isole del Pacifico al fine di evitare che questo accordo venga ripetuto altrove nella regione».
Altri studiosi sottolineano altresì che
«la politica statunitense sulle Salomone e sulla più ampia regione del Pacifico sudoccidentale ha un difetto fatale. Distratto da altre sfide globali, il governo degli Stati Uniti ha esternalizzato le proprie politiche regionali in Australia. E l’approccio dell’Australia, che concentra il potere sul governo centrale delle Salomone, è stato un fattore che ha contribuito a questo incombente disastro geopolitico». «Gli Stati Uniti sono assenti da molto tempo dalle Isole Salomone, devono accelerare la creazione di un’ambasciata e l’invio di un ambasciatore». «È tempo che gli Stati Uniti formino la propria politica sulle Isole Salomone» e la gestiscano in proprio.

Il Presidente della Micronesia, David Panuelo, ha scritto una lettera a Sogavare dicendo che la Micronesia -una popolazione di 100.000 persone, con relazioni diplomatiche sia con la Cina, sia con gli Stati Uniti, e con gli USA ha un patto di libera associazione- ha «gravi problemi di sicurezza» riguardo all’accordo «nuovo e senza precedenti». Ha detto che le due piccole Nazioni sono diventate campi di battaglia durante la seconda guerra mondiale e che potrebbe succedere di nuovo quando Cina, Stati Uniti e Australia si affermano nella regione. «Ed è plausibile che, una volta ritagliate le sfere, che le nostre preoccupazioni per il cambiamento climatico -il problema di oggi- si manifestino in preoccupazioni fin troppo reali per una guerra nei nostri cortili, con la nostra gente, le nostre isole, come il parco giochi per bambini che giocano da adulti?».

Da una prospettiva geopolitica più ampia, secondo Larissa Stünkel, ricercatrice presso l’Institute for Security and Development Policy di Stoccolma, e Marc Lanteigne, professore associato di scienze politiche presso l’UIT – The Arctic University of Norway, Tromsø-, «l’accordo sulla sicurezza sembra essere una risposta diretta all’istituzione o alla rinascita di gruppi di sicurezza indo-pacifici più grandi. In particolare, il patto AUKUS ha arruffato più di qualche piuma. Pechino, non sorprende, inizialmente ha risposto definendo insensibile l’alleanza trilaterale, avvertendo del ritorno di una ‘mentalità da guerra fredda che mina gli sforzi per la stabilità regionale. I rapporti a metà del 2020 secondo cui l’esercito americano stava cercando di aumentare le proprie capacità sull’isola di Wake potrebbero aver contribuito alle preoccupazioni cinesi sull’essere esclusi dalla regione senza una sorta di politiche di controbilanciamento.
Le domande che ora devono essere poste in merito agli effetti futuri di questo accordo sulla sicurezza includono se contribuirà all’immagine generale della regione come area di contesa strategica, forse anche portando a ulteriori accordi di sicurezza e accumulo di armi».

«L‘Australia, in quanto potenza più grande della regione, potrebbe dover riconsiderare con forza il suo stesso tentativo di riavviare la sua diplomazia nel Pacifico attraverso le sue politiche di ‘intensificazione’, soprattutto in vista delle crucialielezioni nazionali. Come affermato in un rapportodel parlamento australiano nel marzo di quest’anno, il Paese ha molto di più da realizzare nella costruzione del soft power regionale e nella diversificazione dei legami con le Nazioni del Pacifico. Alla luce del patto di sicurezza tra Cina e Isole Salomone, le richieste di Morrison sono sempre più forti per dimostrare che l’Australia non sta basando le sue politiche di impegno nel Pacifico solo sull’emarginazione della Cina».

«Infine, c’è la preoccupazione che un focus prevalentemente sull’hard power minerà preoccupazioni molto più pressanti tra le isole del Pacifico, che vanno dal pericolo in corso correlato al cambiamento climatico all’innalzamento del livello del mare. Nonostante la Dichiarazione Boe del 2018 , incentrata sul cambiamento climatico come la ‘più grande minaccia’ per i mezzi di sussistenza del Pacifico, molti governi regionali rimangono preoccupati che i loro Stati insulari continueranno a sopportare il peso maggiore dell’inazione globale nell’affrontare le minacce ambientali».
Nei prossimi mesi si vedrà quali sviluppi prometterà l’accordo, certamente è l’ennesimo mattone nella complicata, minacciosa relazione Cina-USA.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->