martedì, Aprile 20

Accadde Oggi: welcome WWW 23 agosto 1991: primo collegamento a un sito web

0

Se si volesse impostare su un piano cartesiano il livello di sviluppo tecnologico umano, ponendo il tempo nell’asse delle ascisse e le innovazioni tecniche in quello delle ordinate, si noterebbero alcune cose: la linea sarebbe pressoché sempre crescente, con una progressione che, lenta agli inizi, aumenterebbe costantemente con l’avanzare dei secoli, fino a raggiungere ritmi frenetici nel corso del XIX e XX secolo. Il Novecento in particolare è stato un periodo storico ricco di innovazioni: chi è nato a inizio secolo, ha potuto osservare il primo volo aereo e, qualche decennio dopo, il primo allunaggio.

Ma, proprio quando il XX secolo stava per terminare, venne aperta al pubblico una delle innovazioni tecnologiche più potenti e sconvolgenti della storia: internet. La possibilità di ridurre a zero le barriere di spazio e tempo, per permettere una comunicazione immediata, illimitata, per connettere luoghi, persone o gruppi distanti migliaia di chilometri in un batter d’occhio, per conservare e riprodurre immani quantità di dati… Insomma, le possibilità che si sarebbero aperte da allora sono infinite.

E il 23 agosto è una data importante per uno dei tanti servizi offerti da internet, il World Wide Web. Nel 1991, il primo sito web riceve la prima visita di un utente esterno. Il primo di miliardi e miliardi di contatti avvenuti sul web. È l’apertura della rete al pubblico.

Tim BernersLee, co-inventore del World Wide Web, aveva pubblicato il sito il 6 agosto dello stesso anno. Era il coronamento, benché solo simbolico, del lavoro di una vita. Laureatosi fisico nel 1976, lavorò come ricercatore presso il CERN di Ginevra, dove teorizzò e sviluppò quello che sarebbe diventato il WWW, ossia un ipertesto globale, una serie di documenti messi in relazione tramite parole-chiave. Chissà se, in quella calda estate di 27 anni fa, Berners-Lee aveva già capito di aver irreversibilmente cambiato la storia delle comunicazioni.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->