giovedì, Maggio 13

Accadde Oggi: Unasud, l’Unione europea…sudamericana 23 maggio 2008: nasce l‘UNASUR, Unione delle Nazioni Sudamericane

0

In principio fu l’Unione Europea. Un organismo sovrastatale che riunisce Stati appartenenti a una medesima area geografica e commerciale, per darne una direzione e un coordinamento politico ed economico. Su questo modello – che nella sua messa in atto ha ancora più di una pecca da limare – alcuni altri organismi sono stati progettati o realizzati. Uno di questi ha visto i propri natali il 23 maggio del 2008: è l’UNASUD, Unione delle Nazioni Sudamericane (UNASUR, in lingua spagnola).

Sorta quattro anni prima, va a sostituire la precedente Comunità Sudamericana delle Nazioni (CSN) e raccoglie dentro di sé tutti gli Stati del continente, regolandone i rapporti economici e commerciali. Nasce anche allo scopo di coordinare le varie comunità regionali, come la Comunità Andina (composta da Colombia, Perù, Bolivia ed Ecuador) e il Mercosur, il Mercato comune del Sud, simile, per certi versi alla Comunità Economica Europee (comprendente, a diverso titolo, tutti gli Stati sudamericani tranne Guyana, Suriname e il momentaneamente sospeso Venezuela). È entrato in vigore tre anni dopo, nel novembre del 2011. L’UNASUR è chiamato, in futuro, a sostituire gli organi politici e burocratici delle precedenti organizzazioni: fra i primi obiettivi si hanno quelli di abbattere i dazi doganali, per le merci normali, prima, e in un secondo momento per quelli speciali, per poi arrivare all’obiettivo della moneta unica. La sede del Parlamento è in Bolivia, a Cochabamba, mentre la Segreteria Generale è a Quito, capitale dell’Ecuador; la Banca Sudamericana, invece, è stabilita in Brasile, nella capitale Brasilia.

L’attuale Presidente è il boliviano Evo Morales, che ha da poco sostituito l’argentino Mauricio Macrì. L’UNASUR ha, negli ultimi tempi, attraversato momenti difficili, quindi molti degli obiettivi fissati, con ogni probabilità, conosceranno uno slittamento, verso un futuro non ancora così definito come nelle intenzioni. Tuttavia, l’organismo è ormai una realtà concreta, come dimostra lo status da osservatore alle Nazioni Unite.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->