domenica, Settembre 19

Accadde Oggi: un meteorite ha fatto centro 30 novembre 1954: Ann Elizabeth Hodges viene colpita da un meteorite

0

In questa rubrica ci siamo occupati delle storie di cui si conosce poco e, di conseguenza, di aree lontane dal mondo occidentale: Nuova Zelanda, Birmania… Poche volte si è parlato di Europa, come nel caso della Bosnia, ma erano delle eccezioni che confermano la regola.

Oggi strappiamo nuovamente questa regola e torniamo nel mondo occidentale, questa volta in Nord America, più precisamente negli Stati Uniti, perché quello che è successo il 30 novembre 1954 è qualcosa di, a suo modo, unico. Quel giorno, presso Oak Grove, in Alabama, si schiantò un meteorite, il cui frammento più grosso, di 4 kg circa, perforò la casa di Ann Elizabeth Hodges, andando a colpire la donna dopo essere carambolato sulla radio. Si tratta del primo ben documentato caso di meteorite che colpisce un essere umano. Questo frammento prese poi il nome della signora e fu chiamato ‘frammento Hodges’. Un altro frammento, il ‘Mckinney’ (dal nome dell’uomo che l’ha scoperto) venne trovato qualche giorno più tardi, mentre un presunto terzo non fu più trovato.

Nel video, possiamo vedere alcune immagini relative alla donna, ferita a un fianco: ella non si ripresa mai completamente dallo shock provato e la sua famiglia ebbe difficoltà a riprendersi da quel fatto. Ci furono dispute legate alla proprietà del meteorite, che la famiglia voleva, ma che la locataria dichiarava come suo, per poi rivenderlo e rifarsi dei danni che la roccia aveva provocato, ma nella disputa legale con le autorità la famiglia perse tutti i risparmi. La donna, dopo aver divorziato, morì di scompenso cardiaco a soli 52 anni: una vera e propria maledizione si era abbattuta su quella casa, insieme al meteorite. Per gli amanti delle statistiche: le possibilità di essere uccisi da un asteroide sono, a seconda di chi ha compiuto i calcoli, comprese fra una su 1600000 e una su 700000.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->