sabato, ottobre 20

Accadde Oggi: Sri Lanka, anche le Tigri si arrendono 17 maggio 2009: le Tigri Tamil annunciano la resa nella guerra civile cingalese

0

Anche per le organizzazioni terroristiche, il nome è tutto. La scelta di quello che sarà l’appellativo al quale saranno ricondotte le proprie azioni è fondamentale: darsi un nome che incuta timore, rispetto e panico può aumentare la percezione del pericolo e l’idea che questa organizzazione non ha intenzione di fermarsi. Le Tigri Tamil, che combattevano per la nascita di uno Stato tamil in Sri Lanka, avevano senza dubbio fatto queste considerazioni, non dimenticando che i locali ben conoscevano il pericolo di vivere in prossimità di quei grandi felini.

Le ‘Tigri per la liberazione della patria Tamil’ – questo il nome completo – nacquero il 5 maggio 1976, in risposta alle politiche discriminatorie nei confronti dell’etnia tamil. Negli anni del colonialismo inglese, infatti, i tamil erano stati favoriti dalle politiche britanniche: per questa ragione, una volta che lo Sri Lanka si rese indipendente, il Governo singalese attuò una serie di misure ‘riparatorie’ nei confronti della maggioranza una volta oppressa. In questo contesto, le Tigri Tamil, guidate da Velupillai Prabhakaran, iniziarono una vera e propria guerra civile contro il Governo dello Sri Lanka, arrivando a comandare su una grossa area dell’isola. Il loro obiettivo era la creazione di uno Stato indipendente, improntato su un’ideologia a connotazione nazionalista e comunista. Tuttavia, la data odierna, non è un anniversario felice per le Tigri: il 17 maggio 2009, infatti, furono costrette a annunciare la propria resa nei confronti del Governo, ponendo fine a una guerra civile di quasi venticinque anni, iniziata nel 1983. Prabhakaran venne ucciso pochi giorni dopo e, con lui, finì la storia delle Tigri Tamil. Si tentò di riorganizzarle, spostando la base operativa all’estero, ma senza successo: il nuovo capo, Selvarasa Pathmanathan, due mesi dopo la morte di Prabhakaran, venne arrestato in Thailandia. E fu così che le Tigri Tamil smisero di ruggire per sempre.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore