martedì, Maggio 18

Accadde Oggi: Simon Bolivar proclama l’indipendenza della Colombia 17 gennaio: Nueva Granada è dichiarata indipendente

0

L’idea che singoli uomini possano cambiare da soli il corso della Storia è una chiara esagerazione, ma, se ce n’è stato uno che, per la sua area geografica, è stato in grado, con le sue azioni, di modificare per sempre gli eventi, quello è Simón Bolivar, considerato, da molti Paesi dell’America Latina, come ‘El Libertador’, il Liberatore.

Di nobile origine, Simón José Antonio de la Santísima Trinidad Bolívar y Palacios de Aguirre, Ponte-Andrade y Blanco (questo il suo nome completo) è stato un generale e rivoluzionario sudamericano, nato in Venezuela, che ha contribuito a liberare e a rendere indipendenti, oltre al suo Paese d’origine, anche Perù, Colombia, Bolivia, Ecuador e Panama, ricoprendovi, con l’eccezione di queste ultime due, anche la carica di Presidente.

A tal proposito, il 17 gennaio 1819 ha proclamato l’indipendenza, dall’Impero spagnolo, di Nueva Granada, il nome di quella che sarebbe poi diventata la Grande Colombia, da cui, a seguito di alcune successive scissioni, si sarebbero formate Venezuela, Ecuador e, più tardi, Panama, oltre alla stessa Colombia. Oltre a grande uomo politico e militare, è stato un grande pensatore di scienza politica: le sue idee hanno dato vita alla corrente del bolivarismo, ispirata al suo pensiero.

A lui, che, per il ruolo che ha svolto all’interno dei processi di indipendenza in Sudamerica e per l’importanza storica, può essere considerato come il Garibaldi del Sud America, sono dedicate piazze, vie, strade di tutto il mondo: la Bolivia prende il nome da lui; la moneta corrente del natio Venezuela, oggetto negli ultimi tempi di una pesante inflazione, si chiama ‘bolivar’ in suo onore; sono state scritte canzoni, opere liriche, libri, sono stati girati film ispirati alla sua vita. Un breve estratto del film del 1969 ‘Simon Bolivar’ del regista italiano Alessandro Bialetti, con protagonista Maximilian Schell, è oggetto del video di oggi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->