sabato, Settembre 18

Accadde Oggi: si elegge il successore di Arafat 9 gennaio 2005: elezioni presidenziali dell’Autorità Nazionale Palestinese

0

Qualunque sia l’opinione su Yasser Arafat, non si può non dire che egli sia stato un grandissimo uomo politico e un leader molto carismatico. Ha avuto una vita molto avventurosa e ha scampato la morte in più occasioni: molte volte è uscito illeso da attentati o incidenti tanto che appare strano il fatto che il leader palestinese sia morto nel proprio letto, a seguito di una lunga malattia, nel novembre del 2004.

Poco tempo prima di morire, Arafat lasciò il proprio ruolo di leader dell’Autorità Nazionale Palestinese, l’organismo sorto nel 1994 a seguito degli accordi di Oslo (che, quell’anno, valsero ad Arafat e al Primo Ministro israeliano Yitzhak Rabin il premio Nobel per la pace); il suo posto venne provvisoriamente preso da Rawhi Fattuh, Presidente ad interim. Tuttavia, si rendevano necessarie nuove elezioni per scegliere il nuovo Presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese: era un appuntamento cruciale. Per la prima volta, si doveva fare a meno della carismatica presenza di Arafat e il vuoto di potere doveva essere riempito. Il rischio di un acuirsi delle tensioni interne al fronte palestinese era serio e questa lotta per il potere poteva costituire un’occasione di conflitto.

Queste elezioni si tennero proprio il 9 gennaio del 2005 e vincitore di questo voto fu Mahmud Abbas (anche conosciuto come Abu Mazen), che prendeva così il posto del Presidente ad interim. Il leader di al-Fatah, grande favorito di questa tornata elettorale, ha infatti ampiamente dominato questa tornata elettorale, ottenendo oltre mezzo milione di voti, corrispondenti al 62% dei votanti. Una percentuale altissima, soprattutto considerando che il secondo classificato, l’indipendente Mustafa Burghuthi, ha ottenuto poco meno del 20% dei voti. Abu Mazen prese così il potere il 15 gennaio e ancora oggi ricopre questo ruolo. Nel video, un piccolo sguardo alle fasi di spoglio delle elezioni presidenziali dell’Autorità Nazionale Palestinese del 2005.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->