domenica, Maggio 16

Accadde Oggi: Savickaja, una donna fra le stelle 25 luglio 1984: Savickaja è la prima donna a ‘camminare’ nello spazio

0

Uno dei temi che più si discute e si dibatte ai giorni nostri è quello della parità fra i sessi. C’è chi ritiene che uomini e donne siano ormai uguali e che non viga più nessuna differenziazione a livello sociale, politico ed economico e chi, invece, sostiene che questa uguaglianza sia solo formale, mentre ancora molti stereotipi e convenzioni sociali impediscono alla donna di esprimere tutta la propria individualità in piena libertà.

È un tema molto caldo, che non lascia indifferenti. L’unica cosa su cui si può concordare è che, perlomeno nei cosiddetti Paesi del ‘primo mondo’, la condizione della donna sia nettamente migliorata nel corso del XX secolo: molti diritti, oggi ritenuti basilari e irrinunciabili, sono arrivati solo grazie alla lotta e al lavoro di migliaia di donne.

Uno dei vari traguardi raggiunti nel corso dei decenni compie oggi i 34 anni di età. La protagonista si chiama Svetlana Savickaja, di professione cosmonauta. Nel corso della sua carriera, ha compiuto numerosi viaggi aerei, facendo anche registrare numerosi record, fra cui quello di velocità raggiunta. Ma oggi viene ricordata soprattutto per aver viaggiato nello spazio: la prima volta fu nel 1975, quando divenne la seconda donna della Storia ad andare in orbita (la prima fu Valentina Tereškova, anche lei sovietica), mentre la seconda fu nel 1984. In questa occasione, Savickaja superò la sua collega: il 25 luglio di quell’anno uscì dal veicolo, diventando la prima donna a compiere una ‘camminata’ nello spazio.

Complessivamente visse poco meno di venti giorni in orbita, mentre la sua attività extraveicolare durò 3 ore e 35 minuti. Si ritirò nel 1993. Oggi è Parlamentare alla Duma, per le liste del Partito Comunista della Federazione Russa. Proprio l’erede di quel partito che, qualche decennio fa, le permise di giungere là dove nessun’altra donna era mai arrivata prima: a un passo dalle stelle.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->