lunedì, Maggio 10

Accadde Oggi: Saddam Hussein irrompe su Boca Juniors-Milan 14 dicembre 2003: il presidente iracheno viene catturato e la notizia 'colpisce' anche lo sport

0

Il 14 dicembre 2003 si giocava Boca Juniors-Milan, partita che avrebbe garantito al vincitore l’allora Coppa Intercontinentale e il titolo di campione del mondo. La partita, come da tradizione, si giocava in Giappone, a Yokohama, ed era quindi trasmessa in Italia nella mattinata. Era una partita importante, ma quel giorno accadde qualcosa di particolare, che la rese, a suo modo, unica. Nel corso del primo tempo, nelle durante una delle tipiche ‘fasi di studio’ della partita, in cui le due squadre non affondano il colpo in attesa di capire le strategie dell’avversario, apparve una scritta in sovraimpressione, che, a caratteri cubitali, recitava: ‘catturato Saddam Hussein. Ulteriori notizie nel corso dell’intervallo della partita’.

La notizia più importante di quel periodo, la cattura di un dittatore e dunque la speranza (risultata poi vana) della fine del conflitto in quell’area turbolenta del mondo, veniva fornita così, quasi sottovoce, senza voler  disturbare troppo l’attenzione del tifoso. Gli americani, arrivati in Iraq per continuare la lotta al terrore inaugurata all’indomani dell’11 settembre, avevano abbattuto il regime di Saddam, legittimati anche dai documenti dei servizi segreti che attestavano la presenza e l’utilizzo da parte del regime di armi di distruzione di massa, rivelatesi poi infondate. Saddam Hussein, in fuga, venne ritrovato nascosto in un bunker, con la barba lunga e lo sguardo dello sconfitto: il test del DNA confermò che quell’uomo era davvero l’ormai ex dittatore iracheno.

L’operazione ‘Alba Rossa’ si era ufficialmente conclusa. Non si erano concluse, invece, le tribolazioni per il popolo iracheno, che ancora oggi, a 14 anni di distanza, vivono una quotidianità piena di incertezze e difficoltà.  Per la cronaca, la partita fu poi vinta dagli argentini del Boca Juniors ai rigori: dopo l’1-1 nei tempi regolamentari (con le reti di Tomasson e Donnet), è stato decisivo l’errore dal dischetto di Seedorf.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->