sabato, Novembre 27

Accadde Oggi: Russia, Stato e Chiesa di fronte alla storia 5 novembre 1917: si decide per la Rivoluzione russa, si elegge il nuovo Patriarca

0

In questa rubrica si è parlato, in qualche occasione, di eventi simili accaduti lo stesso giorno ma in anni diversi. Altre volte, invece, si è trattato di un fatto che, sviluppandosi, ha avuto alcuni fra i propri momenti salienti nella stessa data, ma a distanza di qualche anno. Oggi, invece, verranno affrontati due eventi, apparentemente scollegati l’uno dall’altro, che hanno avuto luogo nella stessa data, nello stesso anno e nello stesso luogo. E, anche se sembrano non avere nessun collegamento fra loro, nei mesi e negli anni successivi a quel 5 novembre 1917, saranno destinati a influenzarsi anche drammaticamente.

Come detto, l’anno è il 1917. Anno cruciale per i destini della Prima Guerra Mondiale e per l’Europa. Gli Stati Uniti entrano in guerra, l’Italia subisce la devastante sconfitta di Caporetto e la Russia si ritira dal conflitto, come verrà poi sancito con la Pace di Brest-Litovsk: al suo interno, infatti, era scoppiata la rivoluzione russa, che avrebbe posto per sempre fine alla secolare storia dell’Impero zarista. Guidati da Lenin, i bolscevichi rovesciano il sistema costituito, dando vita al primo Stato comunista al mondo. Quel 5 novembre – il 23 ottobre secondo il calendario giuliano – il Comitato Centrale dei bolscevichi vota a larghissima maggioranza a favore di una sollevazione armata, per la quale il popolo russo, secondo le parole di Lenin, aveva aspettato fin troppo a lungo. Iniziano così i preparativi per l’ultima fase della rivoluzione russa, quella che passerà alla storia come Rivoluzione d’Ottobre.

Mentre i bolscevichi preparano la propria presa al potere statale, l’altro potere tradizionale russo, quello religioso, elegge la propria guida, il Patriarca di Mosca e di Tutta la Russia. Vasilij Ivanović Bellavin, con il nome di Tikhon, prende così la guida della Chiesa Ortodossa Russa. È il primo Patriarca dal 1721, anno in cui lo zar Pietro il Grande ha deciso di abolirne la figura.

Perché questi due eventi sono collegati? La politica antireligiosa dei bolscevichi, incentivata dalle posizioni contrari di Tichon contro il nuovo regime (si è scagliato, ad esempio, contro l’omicidio della famiglia imperiale dei Romanov), renderà difficile la vita del Patriarcato, costretto a vivere, negli anni dell’Unione Sovietica, in una condizione di minorità.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->