venerdì, dicembre 14

Accadde Oggi: quel messaggio nello spazio 16 novembre 1974: invio di un messaggio verso civiltà aliene

0

C’è qualcuno lassù? Non si sa, ma non si può escludere che, nell’immensità dell’universo, siano presenti altre forme di vita intelligente. Per quanto la domanda sia affascinante e ricca di implicazioni scientifiche, filosofiche e teologiche, al momento non è dato conoscerne la risposta, così come impossibile chiarire tutta una serie di questioni che si aprirebbero a cascata. Se qualcuno c’è, è in grado di comunicare con gli esseri umani? Come si è evoluto? Quali sono le sue caratteristiche organiche? E così via.

Frank Drake, astrofisico presso la Cornell University, New York, se lo è chiesto parecchie volte. Negli anni Settanta ha quindi deciso di provare a istituire un primo contatto con lo spazio profondo. In quello che sembra un esperimento piuttosto bizzarro e velleitario, che è stato giustificato come una prova delle potenzialità degli strumenti allora a disposizione, Drake ha messo a punto un messaggio, con l’aiuto dell’astronomo Carl Sagan, da spedire in direzione dell’ammasso globulare di Ercole, anche noto come M13.

Da che cosa era composto questo messaggio? Ovviamente non era un composto da parole, ma da una sequenza di 1679 cifre binarie che, disposte su 23 colonne e 73 righe, andavano a fornire una serie di datii primi dieci numeri, varie informazioni sul DNA (gli elementi che lo costituiscono, la composizione delle sue molecole e la struttura a doppia elica), il sistema solare, la sagoma di un corpo umano e il telescopio da dove questo messaggio sarebbe stato inviato. Fu così che, il 16 novembre 1974, da Arecibo,Porto Rico, partì il primo tentativo di comunicazione verso forme di vita extraterrestri. Il viaggio di questa missiva galattica è lungo: per raggiungere M13 – che nel frattempo dovrebbe anche essersi spostata – dovrebbe impiegare circa 25000 anni, più un minimo 25000 per ricevere un’eventuale risposta.

È pressoché impossibile sperare di ricevere una risposta. Ma chissà se, 25000 fa, una civiltà di M13 ha inviato un messaggio verso di noi. A quel punto, il loro messaggio, dovrebbe essere quasi arrivato

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore