domenica, Settembre 26

Accadde Oggi: Polonia, crollo di un record 8 agosto 1991: crolla la struttura più alta del mondo

0

In questa rubrica si è già affrontato l’argomento riguardante le costruzioni più imponenti e grandiose mai costruite dagli esseri umani. Si è parlato, ad esempio, del Burj Khalifa, il palazzo che, con i suoi oltre 800 metri, è l’edificio attualmente più alto del mondo. Quando si parla di grattacieli, si pensa sempre a due aree particolari del mondo: gli Stati Uniti, dove è nato il concetto stesso di skyscraper, e, negli ultimi decenni, la Penisola Araba. Eppure, c’è stato un tempo in cui detentore del record di costruzione più alta del mondo fu uno Stato europeo: inaspettatamente, la Polonia.

La costruzione in questione, ribattezzata Kun Tower, non era un edificio, ma un antenna radiofonica che, con i suoi 646 metri, dominava incontrastata i cieli polacchi. Costruita a Kostantinow, nei pressi di Gabin, fu inaugurata nel 1974. Il suo scopo era quello di diffondere il segnale della radio polacca su tutto il territorio nazionale, favorito dalla sua ubicazione al centro della Polonia, e, appunto, dalla sua altezza: in particolari condizioni, il segnale veniva percepito anche al di fuori del continente europeo.

A 17 anni dalla sua erezione, l’antenna crollò: era l’8 agosto del 1991. I lavori di manutenzione dei giorni precedenti non erano riusciti a ovviare i problemi ai cavi di fissaggio che, cedendo, hanno portato all’incidente. Il cedimento della struttura era nell’aria e fortunatamente nessuno era nei dintorni e non ci furono vittime né feriti. Nonostante le intenzioni iniziali, si decise di non procedere alla ricostruzione dell’antenna, a seguito delle proteste degli abitanti del luogo. Venne perciò costruito un nuovo impianto composto da due torri: il record del mondo era quindi definitivamente perso. Tuttavia, rimase, fino alla costruzione del Burj Khalifa, la struttura più alta mai realizzata dall’uomo e, ancora oggi, è l’antenna radio più alta di sempre: il crollo non le ha impedito di rimanere nella storia.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->