mercoledì, Maggio 12

Accadde Oggi: Parìcutin, una nascita… esplosiva 20 febbraio 1943: nasce il vulcano Parìcutin, in Messico

0

Nella nostra vita ci può capitare di veder nascere un fiore, che diventa albero. Se siamo fortunati e pazienti possiamo veder formarsi un piccolo bosco, o un piccolo specchio d’acqua, magari in un luogo che già in passato conteneva uno stagno, poi seccatosi. In casi particolarmente eccezionali e traumatici, come ad esempio una frana, possiamo veder mutare una valle, con la caduta di una piccola parte di un rilievo montuoso.

Agli abitanti di Parìcutin, in Messico, il 20 febbraio del 1943 capitò l’insolita, ma sconvolgente, sorte di vedere nascere, nel luogo in cui abitualmente andavano a seminare, un vulcano. Questo prese il nome della città dove in prossimità della quale nacque, Parìcutin, appunto. Il luogo era noto per emanare del fumo e per i rumori che si sentivano talvolta, ma nessuno poteva immaginare di stare camminando sopra un vulcano pronto a esplodere.

In quel giorno di 75 anni fa, un potente scoppio, culminato con l’emissione copiosa di fumo e cenere, fece da introduzione alla prima eruzione del vulcano, che durò ininterrottamente per 9 anni, fino al 1952, anno a cui risale la sua ultima attività eruttiva: le lave procedevano molto lentamente, pertanto gli abitanti della zona ebbero tutto il tempo di allontanarsi dai propri paesi e di aver salva la vita. Tuttavia, dovettero pagare un prezzo altissimo: il paese di Parìcutin fu completamente sommerso dalle colate laviche e scomparve dalla faccia della Terra, così come il vicino paese di San Juan Viejo Parangaricutiro, di cui rimangono solo le ultime vestigia.

In questo video, possiamo vedere le immagini nel cinegiornale dell’epoca: è un filmato straordinario, che ben ci fa capire la grandiosità di un fenomeno naturale che ha ispirato anche alcuni film, come ‘Il Capitano di Castiglia’ di Tyrone Power, dove furono inserite alcune immagini dell’eruzione del neonato vulcano di Parìcutin.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->