mercoledì, ottobre 24

Accadde Oggi: Oman, colpo di palazzo 23 luglio 1970: Qabus nuovo sultano dell’Oman

0

Principi, re, congiure di palazzo… Se si aggiunge l’ambientazione del deserto, sembrano tutti elementi di uno dei racconti delle ‘Mille e una notte’. Storie che affondano le proprie radici in un passato remoto e mitico, idealizzato e, con ogni probabilità mai esistito. A meno che non si parli dell’instaurazione del regno di Qabus, attuale sultano dell’Oman.

Nato il 18 novembre del 1940, è attualmente il regnante più longevo del Medio Oriente, con i suoi 48 anni di Governo, da quando quel 23 luglio del 1970 guidò una congiura di palazzo che depose il precedente sultano, suo padre Said (che, a sua volta, costrinse il padre Taymur ad abdicare). Il suo background da membro della Royal Military Academy di Sandhurst, in Inghilterra, gli fu certo utile per compiere il colpo di stato. Sostenuto da membri dell’esercito e aiutato dal Regno Unito, Qabus riuscì a neutralizzare i soldati fedeli al padre e, a poco meno di 30 anni, salì sul trono dell’Oman. Approfittò della complessa situazione politica in cui versava l’Oman, alle prese con una vera e propria guerra civile che prese il via nella provincia omanita del Dhofar. Il regno di Said aveva reso l’Oman uno degli Stati più arretrati del mondo: il sultano aveva messo fuori legge quasi tutte le acquisizioni tecnologiche. Nel Dhofar, regione vessata dall’Oman, si scatenò una ribellione che sfociò in un conflitto, della durata di ben 13 anni: era il 1963 quando tutto iniziò. L’incapacità del sultano Said di affrontare la situazione, fece venir meno il sostegno britannico: il Regno Unito decise quindi di appoggiare il figlio Qabus, a patto che, a guerra finita, l’Oman intraprendesse un serio cammino di riforme e di ammodernamento dello Stato.

Gli effetti furono immediati e sin dalla salita sul trono di Qabus, l’Oman iniziò a camminare rapidamente lungo la strada del progresso. Da quasi mezzo secolo amministra con poteri di monarca assoluto questo piccolo Stato della penisola arabica.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore