venerdì, Ottobre 15

Accadde Oggi: una nuova isola, la Tasmania Posizionata a sud est dell’Australia e distante da essa poco più di 200 km. Oggi è uno Stato Federato dell’Australia. La scoperta il 24 novembre 1642

0

Vi dice qualcosa il nome di Abel Janszoon Tasman? Mentre provate a dare una risposta, sappiate che era un navigatore ed esploratore olandese del XVII secolo. Membro della Compagnia delle Indie Orientali, navigò, esplorò e intrattenne rapporti commerciali specialmente nei possedimenti coloniali olandesi del sud-est asiatico, tanto che proprio lì, a Giacarta, in Indonesia, trovò la morte nel 1659, dopo essersi reso protagonista di numerosi viaggi in Oceania (alle sue spedizioni si devono i primi resoconti sulla Nuova Zelanda).

A questo punto, i più bravi fra voi avranno notato come il nome di Tasman ricordi quello di una di quelle aree che, nel periodo in cui egli operò, erano ancora tutte da scoprire. Abel Tasman è infatti colui che, il 24 novembre 1642 ha scoperto la Terra di Van Diemen, rinominata in suo onore Tasmania, qualche secolo dopo. Essa è un’isola posizionata a sud est dell’Australia e distante da essa poco più di 200 km. Oggi è uno Stato Federato dell’Australia, con capitale Hobart, una città di 214000 abitanti, ed è per le sue caratteristiche naturali un paradiso per gli amanti della natura selvaggia, tanto che l’isola si è fortemente connotata negli ultimi anni come meta per questo particolare genere di turismo.

Tuttavia, non è sempre stata considerata un paradiso: anzi, all’inizio era considerata un vero inferno, essendo stata, nei primi lunghi anni dalla sua scoperta per mano europea, una colonia detentiva per i prigionieri provenienti dal Regno Unito. E, sempre a proposito di inferno, non è un caso che l’animale caratteristico di questa lontana isola sia il cosiddetto ‘diavolo della Tasmania’ un marsupiale dalla pelliccia scura, che si nutre di carogne e che spaventò i primi coloni europei per i suoi gridi notturni, associati a rumori diabolici, come possiamo notare in questo video (suggerimento: abbassate il volume del vostro computer!).

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->