mercoledì, Dicembre 8

Accadde Oggi: nascono i dipartimenti d’oltremare 19 marzo 1946: Guadalupa, Guyana francese, Martinica e Réunion diventano dipartimenti francesi

0

Réunion è un’isola situata circondata dall’Oceano Indiano, situata a est del Madagascar. Ha come capitale Saint-Denis ed è abitata da oltre 830 mila abitanti. La Martinica, invece, appartiene all’arcipelago delle Antille, nei pressi del Centro America. Soprannominata ‘isola dei fiori’, ha più di 380 mila abitanti, quasi 90 dei quali residenti a Fort-de-France, la capitale. Spostiamoci poco più a nord e incontriamo la Guadalupa, un’altra isola leggermente più abitata della vicina Martinica, con i suoi 400 mila abitanti, ma la sua capitale, Basse-Terre, non raggiunge la metà dei residenti della città martinicana.

Concludiamo questo piccolo viaggio andando nella Guyana francese, non un’isola finalmente: situata nel continente sudamericano, confina a est con il Suriname, a ovest e a sud con il Brasile.  Caienna è la sua capitale e governa su una regione di 250 mila abitanti.

In poche righe abbiamo fatto un viaggio di migliaia e migliaia di chilometri, ma, da un punto di vista amministrativo, è come se non ci fossimo mai mossi dall’Europa. Siamo infatti sempre rimasti in Francia, all’interno delle regioni e dipartimenti d’oltremare. Con questo nome, infatti, ci si riferisce a quelle aree considerate come parte integrante del territorio francese che non appartengono, geograficamente, alla Francia europea (detta Francia metropolitana).

Svolgono, contemporaneamente, la funzione di regione e dipartimento e, dal 19 marzo 1946, sono ufficialmente riconosciuti come dipartimenti d’oltremare. Esprimono i loro rappresentanti all’Assemblea francese, usano l’euro e sono parte dell’Unione Europea. Non vanno tuttavia confusi con le ‘collettività d’oltremare’, come le isole di Wallis e Futuna, Saint Barthélemy o la Nuova Caledonia – con delle strutture particolari – e con i ‘territori d’oltremare’, zone delle regioni antartiche o australi, pressoché disabitate. Il rapido video ci fa capire come la Francia sia molto più ampia e variegata di quanto noi siamo comunemente portati a immaginare: un lungo viaggio fra culture, società e popolazione affascinanti.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->