lunedì, Giugno 14

Accadde Oggi: Micronesia, piccoli, ma autonomi 10 maggio 1979: nascono gli Stati Federati di Micronesia

0

L’Oceania è un crogiolo di culture di cui, purtroppo, si conosce ancora poco. Alle centinaia e centinaia di isole che costellano l’Oceano Pacifico corrispondono quasi altrettante lingue, culture e tradizioni, su cui si sono sovrapposti nel tempo i vari colonialismi, da quello francese a quello inglese, da quello portoghese e spagnolo, a quello olandese e tedesco, senza dimenticare le amministrazioni giapponesi e americane nel periodo a cavallo fra le Guerre Mondiali. L’anniversario di oggi riguarda un gruppo di isole piccolissime che, il 10 maggio del 1979, hanno ottenuto l’autogoverno: si sta parlando degli Stati della Federati della Micronesia.

Come si intuisce dal nome, le isole che compongono questa federazione sono di piccolissima dimensione. Allo stesso modo, come si può capire dalla bandiera (quattro stelle disposte a croce su sfondo azzurro, a simboleggiare l’Oceano Pacifico), le isole sono suddivise in quattro Stati federati: Yap, Chuuk, Pohnpei e Kosrae. La capitale è Palikir e la lingua ufficiale è l’inglese.

Abitate dall’uomo per millenni, le isole degli Stati Federati della Micronesia sono passate, negli ultimi secoli, attraverso varie dominazioni: da quella portoghese a quella spagnola, per passare a quella tedesca nei primi del Novecento. Dopo la Grande Guerra, passò sotto l’amministrazione giapponese: molti degli abitanti del Paese del Sol Levante si trasferirono nelle isole. Sconfitti nella Seconda Guerra Mondiale, i giapponesi lasciarono l’amministrazione delle isole agli Stati Uniti. Rimasero sotto il loro controllo fino al 10 maggio di 39 anni fa, quando quattro gruppi di queste isole (alcune, come Palau e Kiribati, non si associarono) ratificarono una Costituzione, che portò alla nascita della Federazione: rimasero però in stretto contatto con gli Stati Uniti, con cui siglarono un Trattato di libera associazione, entrato in vigore nel 1986 e rinnovato nel 2005. E fu così che queste piccole isole decisero di ottenere la libertà, dopo secoli di dominazione esterna: piccoli, ma autonomi.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->